Il fratello di Elon Musk indagato per presunto insider trading

© AP Photo / Patrick PleulTechnology entrepreneur Elon Musk laughs as he visits the Tesla Gigafactory construction site in Gruenheide near Berlin, Germany, Sept. 3, 2020.
Technology entrepreneur Elon Musk laughs as he visits the Tesla Gigafactory construction site in Gruenheide near Berlin, Germany, Sept. 3, 2020. - Sputnik Italia, 1920, 25.02.2022
Seguici suTelegram
L'indagine sulle vendite delle azioni dei fratelli Musk è stata motivata dalla decisione di Kimbal Musk di vendere azioni di Tesla per 108 milioni di dollari, appena un giorno prima che Elon Musk, il fondatore di Tesla, chiedesse ai suoi follower su Twitter se doveva vendere il 10% delle sue azioni.
La US Securities and Exchange Commission (SEC) sta indagando se le recenti vendite di azioni di Elon Musk e suo fratello Kimbal Musk abbiano violato le regole dell'insider trading, ha riferito giovedì il Wall Street Journal.
"Ultimamente si è parlato molto di guadagni non realizzati come mezzo di elusione fiscale, quindi propongo di vendere il 10% delle mie azioni Tesla", si legge nel tweet di Musk del novembre dello scorso anno. La maggioranza dei follower rispose votando per il "Sì".
Il giorno prima di quel tweet, la cui risposta sarebbe potuta essere intuibile, il fratello di Elon, Kimbal Musk, vendette 88.500 azioni Tesla.

Ciò ha portato gli investigatori a chiedersi se Elon Musk avesse parlato o meno a suo fratello dei tempi delle sue vendite. Kimbal Musk fa parte del consiglio di amministrazione di Tesla e SpaceX, sebbene i suoi affari siano incentrati principalmente nel settore della ristorazione.

Questo tipo di contrattazioni potrebbe violare le regole che non consentono ai dipendenti o ai membri del consiglio di scambiare informazioni che non sono disponibili al pubblico. Per "informazioni sostanziali non pubbliche" si intendono tutte le informazioni che possono modificare o influire sul prezzo delle azioni di una società. Le conseguenze di queste violazioni possono includere una pena detentiva.
Secondo i depositi di titoli, Kimbal ha finora evitato qualsiasi conseguenza per l'insider trading, utilizzando un piano noto come 10b5-1, in base al quale gli individui nel mercato azionario possono vendere un numero predeterminato di azioni a orari predeterminati.
Dal 2011, Kimbal Musk ha realizzato più di 40 vendite nell'ambito del piano 10b5-1, secondo i documenti normativi. Ma la SEC non ha ricevuto alcun rapporto sul fatto che Musk abbia utilizzato un piano del genere per le sue vendite a novembre. Tuttavia, ha affermato che ha venduto 88.500 azioni, ne ha donate 25.000 in beneficenza e possiede ancora 511.240 azioni.

La SEC ha emesso un mandato di comparizione dieci giorni dopo il bizzarro sondaggio su Twitter di Musk, in cerca di informazioni sui dati finanziari. Il prezzo delle azioni di Tesla è sceso del 33% da quando ha iniziato a vendere a novembre.

Questa non è la prima volta che Musk si trova nei guai con la SEC. In un incidente simile nel 2018 Elon aveva scritto un tweet in cui affermava di aver ottenuto finanziamenti per trasformare la Tesla in una società privata. La SEC concluse che Musk non avesse mai divulgato tali informazioni prima del suo tweet e il conseguente aumento dei prezzi delle azioni della sua azienda costituiva una frode.
Musk e la SEC hanno risolto la causa e l'imprenditore ha dovuto pagare 20 milioni di dollari e accettare di dimettersi dalla carica di presidente della società.
Da allora, Musk ha continuato ad avere una relazione antagonista con la SEC. Un avvocato di Tesla ha scritto in una lettera, la scorsa settimana, che la SEC stava "molestando" Musk e la sua compagnia con le loro vessatorie indagini.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала