Bari: arrestato boss della mafia nigeriana, compiva riti voodoo su donne per farle prostituire

© Foto : Alice Bellincioni © Agenzia NovaMilano: rapinata filiale banca, sul posto Polizia di Stato
Milano: rapinata filiale banca, sul posto Polizia di Stato - Sputnik Italia, 1920, 25.02.2022
Seguici suTelegram
Un boss della mafia nigeriana è stato arrestato dalla Polizia di Stato. Dopo aver portato una donna dalla Nigeria in Italia, l’ha stuprata più volte, l’ha tenuta sequestrata in un appartamento di Bari e poi l’ha cacciata di casa tenendo con sé il figlio nato dallo stupro.
L’uomo, Favour Obazelu, 43 anni, è stato arrestato dalla squadra mobile di Reggio Calabria con l’accusa di riduzione in schiavitù, tratta di esseri umani, sequestro e violenza sessuale.
L’uomo è in arresto anche perché indagato per associazione a delinquere insieme al fratello Eghosa Osasumwen, di 32 anni.
Insieme ad altri soggetti che operano tra la Libia e la Nigeria, i due avrebbero condotto reclutamenti di donne da condurre con l’inganno in Italia.
L’inchiesta lega la Puglia e la Calabria, perché nell’inchiesta sono coinvolti anche due donne e un uomo.
Le donne venivano legate all’associazione criminale attraverso un rito voodoo e tenute in uno stato di completa prostrazione psicologica, così da avviarle alla prostituzione sulle strade.
Una di loro ha denunciato tutto, spiegando che il rito di magia nera era avvenuto già in patria quando aveva dovuto promettere il rimborso del debito di 25mila euro, necessario a pagare il suo viaggio in Italia.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала