Caro bollette, sindaco Nardella: “Gli anziani fiorentini non sono soli, noi siamo al loro fianco”

© Sputnik . Fabio CarboneContatore del gas
Contatore del gas - Sputnik Italia, 1920, 24.02.2022
Seguici suTelegram
In attesa di una risposta concreta da parte del governo, il Comune di Firenze in collaborazione con la Fondazione Montedomini Onlus ha lanciato l’iniziativa “Adotta una bolletta” per aiutare gli anziani in difficoltà a sostenere le spese delle utenze domestiche.
Tutti i cittadini, privati o aziende, di buona volontà sono inviati ad effettuare una donazione. La Fondazione Montedomini ha reso noto l’IBAN a cui inviare il denaro. Le 27 cifre sono IT22L0335901600100000141309 e la causale è il nome dell’iniziativa. I soldi raccolti dalla Fondazione andranno agli ultrasessantacinquenni con reddito Isee inferiore a 9mila euro e iscritti ai servizi sociali.
Come sta andando il fundraising? Perché il Comune ha deciso di scendere in campo? I fiorentini hanno accolto questa bellissima iniziativa con entusiasmo? Per parlarne, Sputnik Italia si è rivolto al Sindaco di Firenze Dario Nardella:
“La raccolta fondi Adotta una bolletta, lanciata dall’assessore comunale al Welfare, Sara Funaro, con la Fondazione Montedomini, sta andando molto bene e a distanza di pochi giorni dalla partenza sono già oltre 300 le donazioni arrivate a Montedomini: per adesso sono stati raccolti oltre 40mila euro. Il successo che sta riscuotendo l’iniziativa è un’ulteriore dimostrazione di quanto sia grande il cuore solidale dei nostri cittadini e di quanto siano vicini a chi ha più bisogno.
Gasdotto  - Sputnik Italia, 1920, 24.02.2022
I prezzi dei futures sul gas in Europa aumentano del 35%
Firenze è da sempre al fianco degli anziani e dei fiorentini più fragili, che sono al centro delle nostre politiche di welfare con aiuti concreti e strutturati: penso, ad esempio, ai contributi per l’affitto, i contributi per i caregivers e per le famiglie in difficoltà con bambini piccoli, ma anche ai tanti servizi offerti alle persone senza dimora, come la vaccinazione anti-Covid-19 e l’accoglienza in struttura.
Questa campagna di fundraising va quindi ad aggiungersi agli altri aiuti che diamo come Comune alla fascia più debole della popolazione, perché in un momento delicato e complesso come quello che stiamo attraversando, con il costo dell’energia che è aumentato vertiginosamente, non potevano stare a guardare e così abbiamo pensato di offrire agli anziani un sostegno per far fronte al caro bollette. Anche in questo caso, gli anziani fiorentini non sono soli, noi siamo al loro fianco” – ha spiegato il primo cittadino.
Si tratta di un format molto interessante e tempestivo, che potrebbe essere replicato presto in tutta Italia. Com’è organizzata la colletta pubblica a Firenze? Per un approfondimento, Sputnik Italia ha raggiunto Luigi Paccosi, Presidente di Montedomini Onlus, che da anni si occupa dell’assistenza agli anziani soli e in difficoltà.
- Dott. Paccosi, perché la Fondazione Montedomini ha deciso di appoggiare questa iniziativa solidale che parte dal basso, dai cittadini?
- Abbiamo un progetto che si chiama Soli mai, che vuole sostenere gli anziani soli, residenti nel Comune di Firenze, attraverso i volontari delle associazioni aderenti. In realtà, non tutti hanno voglia di raccontare le difficoltà, di far conoscere ad altri la propria situazione. Però, grazie a questa nostra iniziativa, è venuto fuori il disagio dovuto al rincaro delle bollette, che per alcuni anziani è diventato un problema grosso. Le persone che hanno risorse limitate sono state costrette a razionalizzare il consumo di riscaldamento per poter arrivare a fine mese.
- C’è un tetto minimo o massimo per fare la donazione?
- Sinceramente no, abbiamo anche le donazioni piccole di 5 euro, fino a 2-3mila euro. Ognuno può tranquillamente dare la cifra che ritiene opportuna, anche perché si somma alle altre donazioni che ci aiuteranno a sostenere gli anziani in difficoltà. In pochi giorni siamo già arrivati a quasi 50mila euro!
- I destinatari principali sono gli anziani ultrasessantacinquenni che vivono soli o hanno pensioni minime. Secondo Lei, i fondi raccolti sono sufficienti per sostenere tutte le persone travolte dalle bollette saltate alle stelle?
Trattori Coldiretti in piazza a Torino - Sputnik Italia, 1920, 20.02.2022
Torino, proteste per caro-bollette: allevatori e agricoltori con animali e trattori in pieno centro
- Le nostre risorse potrebbero riuscire a coprire gli aumenti registrati. Certamente non è un contributo risolutivo, però potrebbe senz’altro dare un gran respiro agli anziani, che sono purtroppo i testimoni diretti di come gli aumenti di luce e gas abbiano avuto un impatto tremendo sulla loro vita quotidiana.
- Mi fa piacere che a Firenze si sta verificando una vera e propria mobilizzazione. Potrebbe svelare i profili dei fiorentini che hanno mostrato la loro solidarietà? È vero che fra di loro ci sono anche pensionati “benestanti”?
- Abbiamo ricevuto le donazioni un po’ da tutti: dai giovani ai pensionati over 65 che hanno possibilità economiche per aiutare i loro coetanei in difficoltà. Ma come spesso accade, aderiscono non sono solo le persone facoltose, ma anche i cittadini semplici, presi da commozione. Sono persone che non possono vedere gli anziani in questa situazione di disagio e che hanno deciso di dare pochi euro per esprimere la loro solidarietà semplicemente perché non vogliono lasciare indietro nessuno.
- Il lancio della vostra campagna è stato criticato da parte di coloro che sostengono che dovrebbe essere il governo a far fronte all’emergenza del caro bollette e non l'amministrazione cittadina… Cosa ne pensa?
- Rispondo a questa domanda con le parole di un signore che ci ha donato. Di fronte a questa obiezione lui ha detto, citando il presidente statunitense John Kennedy: “Non chiederti che cosa può fare il tuo Paese per te, ma prima chiediti che cosa puoi fare tu per il tuo Paese”.
L'opinione dell'autore potrebbe non riflettere la posizione della redazione
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала