Donbass, DPR e LNR chiedono a Putin aiuto per respingere l'aggressione ucraina

© Sputnik / Vai alla galleria fotograficaPunto di mobilitazione a Lugansk
Punto di mobilitazione a Lugansk - Sputnik Italia, 1920, 23.02.2022
Seguici suTelegram
Dai capi di DNR e LNR appello a Putin per ricevere aiuto nel respingere l'aggressione delle forze armate ucraine.
I capi della Repubblica popolare di Donetsk Denis Pushilin e della Repubblica popolare di Lugansk Leonid Pasechnik hanno scritto un appello al presidente russo Vladimir Putin chiedendo aiuto per respingere l'aggressione delle forze armate ucraine, evitare vittime civili e prevenire una catastrofe umanitaria nel Donbass.
Lo ha reso noto Dmitry Peskov, portavoce della presidenza russa.
"L'appello sottolinea che allo stato attuale, a causa dell'aggravarsi della situazione e delle minacce di Kiev, i cittadini delle repubbliche sono costretti a lasciare le loro case, continua la loro evacuazione in Russia, ospedali, asili e la cosa peggiore è la morte di la popolazione civile, compresi i bambini. Le azioni del regime di Kiev testimoniano la riluttanza a porre fine alla guerra nel Donbass" cita Peskov il testo della lettera.
Le autorità delle repubbliche popolari sottolineano che Kiev continua a rafforzare la sua presenza militare sulla linea di contatto e riceve supporto completo, anche militare, dagli Stati Uniti e da altri Stati occidentali.
“Sulla base degli articoli 3 e 4 dei trattati di amicizia, cooperazione e mutua assistenza tra la Federazione Russa e le repubbliche, chiediamo al Presidente della Russia di aiutare a respingere l'aggressione delle forze armate dell'Ucraina".

La situazione in Donbass

Negli ultimi giorni, la situazione nel Donbass si è inasprita bruscamente, le repubbliche autoproclamate di DNR e LNR riportano molti bombardamenti da parte delle forze di sicurezza ucraine.
Le autorità delle repubbliche di Donetsk e Lugansk (DPR e LPR) hanno annunciato l'evacuazione temporanea dei cittadini nella regione russa di Rostov, alla luce della minaccia dell'offensiva delle forze ucraine. L'evacuazione interessa principalmente donne, bambini e anziani. Come affermato dal capo della DPR, Denis Pushilin, il presidente dell'Ucraina Vladimir Zelensky ordinerà presto ai militari di lanciare un'offensiva nel Donbass, per attuare un piano d'invasione della DPR e LPR. Lo scorso 19 febbraio, i vertici delle repubbliche hanno firmato i decreti sulla mobilitazione generale.
Il presidente russo Vladimir Putin, lunedì, dopo una riunione straordinaria generale del Consiglio di sicurezza, si è rivolto ai cittadini della Federazione Russa e ha dichiarato di ritenere necessario prendere una decisione per riconoscere immediatamente la sovranità della LPR e della DPR, poiché coloro che hanno intrapreso la strada dello spargimento di sangue, della violenza e dell'illegalità non hanno riconosciuto e non riconoscono nessun'altra soluzione del conflitto nel Donbass, se non quella militare. Subito dopo l'appello, il presidente ha firmato al Cremlino i decreti che riconoscono la LPR e la DPR.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала