Raggi presidente della commissione per Expo 2030, il Codacons annuncia battaglia

© Foto : Agenzia Nova / Marco MinnaVirginia Raggi, sindaco di Roma Capitale
Virginia Raggi, sindaco di Roma Capitale - Sputnik Italia, 1920, 22.02.2022
Seguici suTelegram
L’ex sindaca: “Vinciamo insieme la sfida”. Gualtieri promuove il coinvolgimento delle opposizioni nella corsa per l’Esposizione universale.
Virginia Raggi è stata eletta presidente della commissione speciale Expo 2030 quasi all’unanimità, 11 su 12 voti totali.
La nomina della ex sindaca e quella del consigliere di Azione Dario Nanni alla commissione speciale per il Giubileo 2025 "è stata una scelta compiuta dalle forze politiche all'inizio della consiliatura, nella distinzione dei ruoli tra maggioranza e opposizione, quella di coinvolgere tutte le forze in alcune commissioni", ha detto il sindaco di Roma Roberto Gualtieri.
Per il primo cittadino della Capitale si tratta di “una cosa positiva, perché ci si assume un impegno sulle sfide più generali della città” con il “coinvolgimento delle opposizioni".
Ma sulla nomina annuncia già battaglia il Codacons.

Raggi: “Vincere la sfida insieme”

La ex sindaca pentastellata ha accolto la nomina annunciando che sarà un lavoro corale per raggiungere l’obiettivo.
“È una grande occasione per la città di Roma e per l'Italia. Spero che Roma e il Paese possano vincere questa sfida".
La Capitale dovrà competere con Mosca, Odessa, Busan e Riad.
"Ringrazio i colleghi che mi hanno eletto e il sindaco che aveva già dichiarato la volontà di proseguire il lavoro iniziato due anni fa - ha sottolineato Raggi - Si tratta di una sfida innovativa sulla rigenerazione della città, ci metteremo subito all'opera e questa è una sfida che si vince tutti insieme e che deve riqualificare la nostra città".

Codacons ricorre al Tar

Intanto, subito dopo la nomina il Codacons ha annunciato che presenterà ricorso al Tribunale amministrativo.
"Riteniamo semplicemente assurdo che il sindaco Gualtieri possa scendere a compromessi e cedere a intollerabili logiche politiche mettendo la Raggi alla presidenza della Commissione Expo 2030".
Secondo l’associazione dei consumatori si tratta di un organismo chiave e “non può essere affidato a chi ha dimostrato di non saper amministrare e gestire il bene pubblico".
Il Codacons ha ricordato i “numerosi fallimenti” della ex sindaca: “Dalle buche stradali all'emergenza rifiuti, passando per il caos dei trasporti, la mancata cura del verde pubblico, l'invasione di topi e cinghiali, lo stato di abbandono dei parchi, lo stop ai dossier Stadio della Roma e Stadio Flaminio. E la lista potrebbe essere ancora lunga”.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала