Milizia DPR: decine di migliaia di persone nel Donbass rimaste senza l'acqua potabile

© Sputnik . Sergei Averin / Vai alla galleria fotograficaUna casa bombardata lungo la linea di contatto nel Donbass
Una casa bombardata lungo la linea di contatto nel Donbass - Sputnik Italia, 1920, 21.02.2022
Seguici suTelegram
Decine di migliaia di persone nel Donbass sono rimaste senza acqua potabile, questo è un genocidio da parte di Kiev, ha affermato il portavoce della milizia dell'autoproclamata Repubblica popolare di Donetsk (DPR), Eduard Basurin.
Su tutto il territorio della Repubblica popolare di Donetsk è stato dichiarato lo stato d'emergenza dopo che un ordigno ha messo fuori uso la stazione di filtraggio, causando lo stop all'approvvigionamento centralizzato di acqua potabile per 21.000 residenti.
La missione dell'autoproclamata Repubblica popolare di Donetsk (DPR) presso il Centro congiunto per il controllo e il coordinamento sul regime di cessate il fuoco (JCCC) aveva in precedenza riferito che la stazione di pompaggio Vasilyevsky nella DPR era stata danneggiata dai bombardamenti delle forze di sicurezza ucraine.

"Ci sono persone rimaste senz'acqua. Dicono che non c'è genocidio. Ditemi, per favore, se viene interrotta la fornitura di acqua potabile, allora che cos'è? Oltre ai crimini di guerra, c'è anche un genocidio. I politici occidentali dicano che stiamo inventando tutto, ma decine di migliaia di persone sono senza acqua", ha dichiarato Basurin in un'intervista al canale YouTube "Soloviev. Live".

Basurin ha osservato che la stazione di pompaggio danneggiata pompa l'acqua per circa 2 milioni di persone in tutto il Donbass, non solo nelle due repubbliche popolari di Lugansk e Donetsk.

"Le autorità che ora stanno a Kiev in realtà stanno commettendo un genocidio non solo contro i residenti delle nostre repubbliche, ma anche contro i residenti del Donbass", ha aggiunto il portavoce della milizia della repubblica autoproclamata.

La situazione nel Donbass

Negli ultimi giorni la situazione nel Donbass è inasprita bruscamente, le repubbliche autoproclamate di DNR e LNR riportano molti bombardamenti da parte delle forze di sicurezza ucraine. Le autorità della DPR e della LPR hanno annunciato l'evacuazione temporanea dei cittadini nella regione russa di Rostov alla luce della minaccia dell'offensiva delle forze ucraine. L'evacuazione interessa principalmente donne, bambini e anziani. Come affermato dal capo della DPR Denis Pushilin, il presidente dell'Ucraina Vladimir Zelensky ordinerà presto ai militari di lanciare un'offensiva nel Donbass. Sabato i vertici di DPR e LPR hanno firmato i decreti sulla mobilitazione generale.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала