Il grido d’allarme dei Vigili del fuoco in Senato: la petizione in Commissione Affari Costituzionali

© FotoCoordinamento regionale USB Vigili del Fuoco Calabria
Coordinamento regionale USB Vigili del Fuoco Calabria - Sputnik Italia, 1920, 21.02.2022
Seguici suTelegram
La raccolta firme continua a crescere sul web. La richiesta è di velocizzare le procedure di assunzione e stabilizzazione per ridurre il gap con gli standard europei: un vigile del fuoco ogni 1.500 abitanti contro uno ogni 15mila in Italia.
Fa un grande passo avanti la petizione lanciata dall’Usb Calabria e dai Vigili del Fuoco del coordinamento regionale Usb della stessa Regione per chiedere che vengano velocizzate le procedure di assunzione e di stabilizzazione per adeguare il corpo agli standard europei.
La petizione è stata posta in discussione al Senato e assegnata alla 1° Commissione permanente, Affari Costituzionali.
La petizione è stata lanciata per “lanciare un grido d’allarme all’intera cittadinanza italiana”, spiega a Sputnik Italia Giancarlo Silipo, che parla a nome del Coordinamento regionale USB Vigili del Fuoco Calabria. E ha quasi raggiunto 56mila firme.
“Il Corpo Nazionale è ormai al collasso più totale e in questo stato di alto degrado, con numeri simili a briciole, ci hanno messo nella condizione di dover scegliere ogni giorno su quale intervento operare”, sottolinea.
E “sono gli stessi cittadini che denunciano pubblicamente agli organi competenti e sui social il ritardo e/o il mancato adempimento sull’intervento” per mancanza di personale.

Ma cronica mancanza di personale

Secondo la normativa europea, infatti, dovrebbe essere presente un vigile del fuoco ogni 1.500 abitanti, fattispecie che in Italia raggiunge, invece, il dato allarmante di uno ogni 15.000.
Intervento dei Vigili del Fuoco - Sputnik Italia, 1920, 14.02.2022
Troppo pochi vigili del fuoco: in Italia soltanto uno ogni 15mila abitanti
Con l’arrivo della petizione in Commissione Affari Costituzionali, spiega Silipo, “i piani alti dovranno adempiere a quello che è stato firmato e deciso dal popolo italiano, perché lo prevede la Costituzione Italiana".
"In questo momento le chiacchiere stanno a zero e noi come USB VV.F. Calabria seguiremo e vigileremo su questa procedura fino a quando tutto non sarà compiuto”.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала