Italiani sempre più web-dipendenti: oltre 3500 casi curati in 99 centri di aiuto

Internet Cafè - Sputnik Italia, 1920, 20.02.2022
Seguici suTelegram
Internet è entrato nelle nostre vite e per molti nella società è la base stessa del loro lavoro, di molte attività quotidiane, senza non potrebbero letteralmente vivere.
In questo si inserisce sottilmente la dipendenza dal web, e così ci sono persone che non riescono a staccarsi: “malate di web”.
La pandemia ha fortemente accentuato questo fenomeno, portando un numero maggiore di persone a utilizzare gli strumenti digitali per comunicare.
Così il Centro nazionale dipendenze e doping dell’Istituto superiore di sanità (Iss), ha alzato la soglia di attenzione sul fenomeno dei disturbi legati all’eccessivo uso di internet.
Ecco che il Centro dipendenze si è mosso per garantire l’accesso e la presa in carico di persone cadute nella dipendenza dal web, così da prevenire la cronicizzazione del disagio.
Dall’iniziativa è nato il progetto “Rete senza Fili: tante connessioni possibili”, che ha censito la nascita di 99 Centri di aiuto per le dipendenze nel solo mese di dicembre 2021.
Gli utenti presi in carico sono stati 3.500 e tutti con disturbi legati all’uso di internet.
Tra le fasce d’età più a rischio quella degli adolescenti tra i 15 e 17 anni e quella tra i 36 e i 45 anni.
Gli esperti temono che il problema possa essere ben più ampio e monitorano la situazione con i 650 centri del Serd.
Per capire quale sarà l’impatto della pandemia sulla dipendenza dal web è ancora presto: la comprensione del fenomeno si avrà appieno solo nei prossimi anni.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала