Giovane donna segregata per giorni per convincerla a sposare un uomo che voleva la cittadinanza

© Foto : © Agenzia Nova / Marco MinnaUna macchina dei carabinieri
Una macchina dei carabinieri - Sputnik Italia, 1920, 18.02.2022
Seguici suTelegram
Una giovane donna di 27 anni è stata sequestrata e segregata per diversi giorni da alcuni uomini, con l’intento di convincerla a sposarsi con un 31enne nordafricano che voleva ottenere in questo modo la cittadinanza italiana.
Grazie ad un’indagine compiuta dai carabinieri di Gattatico, un piccolo comune della provincia di Reggio Emilia, nata nell’ambito di una frode informatica che ben presto ha preso i connotati di un importante traffico di stupefacenti, i militari dell’Arma hanno anche scoperto la drammatica vicenda di una giovane donna costretta a vivere segregata in diverse case, per accettare di sposarsi con nordafricano che voleva ottenere, in questo modo, la cittadinanza italiana.
L’uomo, per raggiungere il suo obiettivo ed ottenere così la cittadinanza italiana, avrebbe sottratto alla donna tutti i documenti, oltre al telefono cellulare, costringendola poi, contro la sua volontà, a vivere prima nei pressi di Reggio Emilia, presso alcuni complici, una coppia di cittadini albanesi, e poi nel Veronese, in una casa di proprietà di un connazionale, da dove, grazie al alcune circostanze fortunose, la donna è riuscita ad evadere dalla sua prigionia.
Otto sono le persone indagate, tutte non italiane, accusate di concorso in sequestro di persona, spaccio di stupefacenti, frode informatica ed induzione al matrimonio mediate inganno. Le case usate come prigione erano utilizzate, secondo le prime ricostruzioni, come basi per lo spaccio di sostanze stupefacenti.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала