Mali, la Francia ritira le truppe dal Paese dopo quasi 10 anni di presenza

© AFP 2022 / SÉBASTIEN RIEUSSECA man stands in front of the Djingareyber mosque on February 4, 2016 in Timbuktu, central Mali.
A man stands in front of the Djingareyber mosque on February 4, 2016 in Timbuktu, central Mali. - Sputnik Italia, 1920, 17.02.2022
Seguici suTelegram
Dopo quasi dieci anni di lotta anti-jihadista, la Francia ha annunciato oggi che ritirerà le sue truppe dal Mali.
La missione anti-jihadista dell'esercito francese termina dopo quasi dieci anni e 48 soldati lasciati sul campo, la fine della missione è anche dovuta ai rapporti difficili instaurati con il regime militare che ha preso il potere del paese nell'agosto del 2020.

"Non possiamo rimanere militarmente impegnati a fianco delle autorità de facto, di cui non condividiamo la strategia e gli obiettivi nascosti", ha così detto il presidente Emmanuel Macron oggi in conferenza stampa.

Questa decisione richiamerà in patria 2.400 soldati francesi, attualmente in stanza in Mali, oltre ad un piccolo contingente europeo di alcune centinaia di soldati, creato nel 2020 con l'obiettivo di supportare ed alleggerire l'impegno sul campo delle truppe francesi.
La Francia aveva inviato i suoi soldati, su richiesta del Mali, per la prima volta nel 2013, senza però mai riuscire a mettere la parole fine alla lotta jihadista.

"È la fine ingloriosa di un intervento armato iniziato con euforia e che si conclude, nove anni dopo, in un contesto di crisi tra Mali e Francia", è quanto ha pubblicato Le Monde.

Macron ha però respinto queste accuse, dichiarando che la Francia e i suoi alleati continueranno il loro impegno nella lotta al terrorismo nella regione, affermando che le modalità di questo rinnovato impegno saranno chiarite entro giugno.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала