Caso Amara, Piercamillo Davigo è stato rinviato a giudizio a Brescia

© Fotolia / Andrey BurmakinMartello del giudice
Martello del giudice - Sputnik Italia, 1920, 17.02.2022
Seguici suTelegram
Piercamillo Davigo, l'ex consigliere del Consiglio superiore di magistratura, accusato di rivelazione del segreto d'ufficio per il caso dei verbali di Piero Amara su una presunta “Loggia Ungheria”, è stato rinviato a giudizio dal gup di Brescia Federica Brugnara.
La decisione arriva lo stesso giorno in cui cade il trentennale dell'inizio dell'inchiesta Mani Pulite di cui Piercamillo Davigo è stato uno dei pubblici ministeri in prima linea contro la tangentopoli che scosse i palazzi dei poteri fin nella loro essenza e che portò al cosiddetto crollo della “Prima Repubblica”.
Davigo dovrà comparire il prossimo 20 di aprile davanti al giudice della prima sezione penale del Tribunale di Brescia per l'inizio del processo con rito ordinario.
Questa mattina per il pm milanese Paolo Storari si è svolta l’udienza del processo che lo vede indagato per la stessa vicenda.
Fu Storari a consegnare nell’aprile del 2020 al magistrato Davigo i verbali di Amara.
Un gesto che Storari ha sempre definito di "autotutela" nei confronti di una presunta inerzia nelle indagini da parte dei vertici della procura milanese: i pm hanno chiesto per lui una condanna a sei mesi, il minimo della pena prevista. Per Storari la decisione è rinviata al 7 marzo.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала