Referendum, Corte Costituzionale ammette quattro quesiti sulla Giustizia

© Foto : Richard MortelPalazzo della Consulta.
Palazzo della Consulta. - Sputnik Italia, 1920, 16.02.2022
Seguici suTelegram
I lavori della Consulta sono iniziati ieri e proseguono per la valutazioni di altri tre quesiti. Attesa per oggi la decisione sul referendum per la cannabis leggera.
La Corte Costituzionale ha dichiarato ammissibili quattro referendum in materia di Giustizia. I quesiti referendari che hanno passato il vaglio della consulta riguardano:
1.
Abrogazione delle disposizioni in materia di incandidabilità;
2.
Limitazione delle misure cautelari;
3.
Separazione delle funzioni dei magistrati;
4.
Eliminazione delle liste di presentatori per l’elezione dei togati del Csm.
Lo rende noto l'Ufficio Stampe e comunicazioni della Consulta.
"I suddetti quesiti sono stati ritenuti ammissibili perché le rispettive richieste non rientrano in alcuna delle ipotesi per le quali l'ordinamento costituzionale esclude il ricorso all'istituto referendario", si legge nella nota.
Restano al vaglio per l'ammissibilità altri tre quesiti, due sulla giustizia e uno sulla cannabis. La Corte si è riunita oggi sotto la nuova presidenza di Giuliano Amato, per il secondo giorno di valutazione dei quesiti, in tutto 8, per cui sono state presentate le firme. Ieri è arrivata la bocciatura per il referendum sull'eutanasia promosso dall'associazione Luca Coscioni.
Per oggi è ancora attesa la decisione sulla depenalizzazione della cannabis leggera.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала