Guarisce dall'HIV, è la prima donna al mondo

© REUTERS / Rupak De ChowdhuriChildren display ribbon cut-outs tied to balloons during an HIV/AIDS awareness campaign to mark World AIDS Day in Kolkata December 1, 2014. The world has finally reached "the beginning of the end" of the AIDS pandemic that has infected and killed millions in the past 30 years, according to a leading campaign group fighting HIV. United Nations data show that in 2013, 35 million people were living with HIV, 2.1 million people were newly infected with the virus and some 1.5 million people died of AIDS. By far the greatest part of the HIV/AIDS burden is in sub-Saharan Africa.
Children display ribbon cut-outs tied to balloons during an HIV/AIDS awareness campaign to mark World AIDS Day in Kolkata December 1, 2014. The world has finally reached the beginning of the end of the AIDS pandemic that has infected and killed millions in the past 30 years, according to a leading campaign group fighting HIV. United Nations data show that in 2013, 35 million people were living with HIV, 2.1 million people were newly infected with the virus and some 1.5 million people died of AIDS. By far the greatest part of the HIV/AIDS burden is in sub-Saharan Africa. - Sputnik Italia, 1920, 16.02.2022
Seguici suTelegram
A New York, grazie ad una terapia sperimentale, una donna è guarita dall'HIV. È la terza persona al mondo, la prima di sesso femminile.
È stato annunciato durante una conferenza su I retrovirus e le infezioni opportunistiche a Denver, in Colorado. La paziente di New York, così soprannominata, è la prima donna al mondo a guarire dal virus dell'HIV e la terza persona al mondo, dopo Timothy Ray Brown, un paziente di Berlino e Adam Castillejo, paziente di Londra.
Mentre i primi due furono curati attraverso trapianti di cellule staminali adulte da donatori geneticamente resistenti all'AIDS, la paziente di New York ha subito un trattamento con il sangue identificato nel cordone ombelicale di un neonato che aveva una anomalia genetica che lo rendeva resistente al virus dell'HIV.
L'operazione è stata eseguita nel 2017 dal team della Weill Cornell Medicine, uno dei policlinici universitari più importanti degli Stati Uniti.
La paziente non manifesta più sintomi da 14 mesi. La nuova terapia adesso genera speranza per i milioni di malati di AIDS in tutto il mondo.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала