Covid, Galli: "Partita ancora aperta col virus, errore abbandonare cautela"

 Massimo Galli - Sputnik Italia, 1920, 16.02.2022
Seguici suTelegram
Il virologo ammette un quadro più favorevole della situazione, ma il futuro resta incerto per il rischio varianti. Poi lancia una stoccata a Djokovic: "Decisione poco intelligente"
"E' una partita ancora aperta, con questo virus non siamo arrivati ai supplementari. Siamo alla fine del primo tempo". Il professor Massimo Galli, già direttore del reparto malattie infettive dell'ospedale Sacco di Milano, invita ancora alla prudenza parlando del Covid in Italia, a L'aria che tira, in onda oggi su La7.
"Nei paesi "ricchi" - spiega - siamo in una situazione di vantaggio. Dopo aver subito svariate rimonte, compresa quella guidata da Omicron, ora i contagi sono oggettivamente in calo. Si è ridimensionato l'impatto sugli ospedali e sulle rianimazioni. Questo è l'elemento fondamentale, è il segnale di una situazione che diventa più favorevole".
Tuttavia sarebbe un errore abbandonare ogni tipo di cautela perché "cosa ci aspetta in autunno non possiamo saperlo al 100%". Galli ricorda di "aver visto più volte questa storia", riferendosi alla ripresa dei contagi in seguito ad allentamenti delle restrizioni.
"La lezione della pandemia è pesante, ci sono atteggiamenti diversi rispetto al "molliamo tutto" - osserva - Il virus ci ha dato 3 varianti diverse una dopo l'altra, creandoci problemi seri", anche se ritiene difficile la comparsa di una quarta variante "con connotazioni di pericolosità".

Green pass

Galli sottolinea che il pass verde "una tutela e non una vessazione", almeno per quanti "hanno ritenuto di fare tutto per sé stessi e per gli altri", ricevendo la terza dose di vaccino. "E' una garanzia, il resto è politica", ribadisce.

Il caso Djokovic

L'infettivologo si è espresso con parole forti sulla vicenda di Novak Djokovic, il campione di tennis che è tornato a far discutere di sé per aver dichiarato di preferire perdere l'Open di Francia o Wimbledon piuttosto che vaccinarsi.
"E' una decisione poco intelligente. Francamente è stupida. E' una decisione che sostiene i valori dell'ignoranza. O è veramente fobico nei confronti di determinante questioni o questa scelta è... personale, così risolvo il problema relativo all'uso di termini duri", la frecciata di Galli.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала