Furia no vax a Macerata, donna devasta studio medico: "Pretendeva l'esenzione vaccinale"

© Sputnik . Pavel Lisitsyn Vaccinazione
Vaccinazione  - Sputnik Italia, 1920, 14.02.2022
Seguici suTelegram
Al rifiuto del medico la paziente è andata in escandescenza, scagliando per terra un computer portatile ed un monitor. La denuncia: "Situazione insostenibile".
Una donna medico è stata aggredita nel suo ambulatorio da una no vax che pretendeva l'esenzione dal vaccino contro il Covid. Al rifiuto di produrre il certificato senza la necessaria documentazione, è scattata la furia distruttiva della paziente. L'episodio di violenza, avvenuto lo scorso giovedì a Macerata, è stato denunciato dalla vittima, la 32enne Laura Sarnari, al Resto del Carlino.
La donna, che è una lavoratrice dell'ambito sanitario, ha fatto irruzione nello studio medico di via Merelli verso le 13.30, nonostante la porta chiusa.
Con insistenza ha iniziato a chiedere dell'esenzione dal vaccino. Davanti all'obiezione della dottoressa, che le ha ripetutamente chiesto la documentazione, la paziente ha iniziato ad agitarsi, fino ad andare in escandescenza quando la dottoressa le ha negato categoricamente la certificazione, invitandola ad assumersi le sue responsabilità.
A quel punto le cose sono degenerate e la donna ha iniziato ad usare toni minacciosi e violenti. Si è diretta su un pc portatile ed un monitor e li ha scaraventati per terra, poi ha tirato giù il plexiglas divisorio. I rumori e le urla hanno attirato gli altri pazienti e i colleghi d'ambulatorio, che hanno hanno tentato di bloccare la paziente mentre si agitava e diceva parole di rabbia.
Laura Sarnari racconta di essere rimasta tranquilla "perché c'erano tante persone. Certo la situazione non era delle più calme con questa signora che lanciava oggetti. Ho dovuto chiamare i carabinieri. Per ora non ho fatto denuncia, sto riflettendo se farla o meno".
"Bisogna parlarne per dare un segnale - aggiunge - non si possono ottenere le cose con prepotenza, si può chiedere con tranquillità. No a un atteggiamento del genere dopo un diniego del medico".
Per la collega di ambulatorio Valentina Gubbinelli "questo è l'episodio che ha fatto traboccare il vaso. E' la punta di un'iceberg da quando c'è la possibilità di avere l'esenzione dal vaccino è un continuo. Riceviamo richieste improbe che spesso sfociano in minacce verbali. Ovviamente nessuno è arrivato a dire "ti meno" ma capita che i toni siano accesi. Non sono l'unica".
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала