Dal 15 febbraio obbligo di Super green pass per i lavoratori over 50: ecco cosa si rischia

Green Pass
Green Pass - Sputnik Italia, 1920, 14.02.2022
Seguici suTelegram
La multa da 600 a 1.500 euro, l’assenza ingiustificata con la perdita di stipendio e contributi. L’obbligo di vaccinazione scadrà il 15 giugno.
Da martedì 15 febbraio, scatta l’ultimo dei punti inseriti nel decreto varato dal governo Draghi sulle norme legate a vaccinazione e lavoro: l’obbligo vaccinale per tutti gli over 50 che lavorano.
Il Super green pass, che si ottiene con la vaccinazione o la guarigione dal Covid-19, diventa quindi elemento essenziale per tutti i lavoratori che hanno più di 50 anni.
Non basterà più il green pass base, che si può ottenere anche con un tampone negativo, per accedere in ufficio o su altri luoghi di lavoro per gli over 50.
Dopo la prima dose, il Super Green pass è valido dal quindicesimo giorno dopo la somministrazione e fino alla dose successiva; dopo la seconda dose, è valido per sei mesi; dopo la dose di richiamo è illimitato.

Cosa si rischia senza il green pass rafforzato

Per chi non si adegua all’obbligo, si va da una multa di 100 euro a sanzioni ben più salate.
Gli ultracinquantenni che si presentano sul posto di lavoro senza avere il Super green pass potranno essere multati da 600 a 1.500 euro.
Inoltre, chi non è vaccinato può risultare assente ingiustificato, quindi perdere la retribuzione e i contributi.
L’obbligo è in vigore fino al 15 giugno, data in cui scadrà anche per le categorie professionali come il personale scolastico, quello sanitario e le forze dell’ordine, oggi sottoposte al vaccino obbligatorio indipendentemente dall’età.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала