Omicron, l'allarme dell'Ecdc: "Non sarà l'ultima variante"

© AFP 2022 / Guglielmo MangiapaneПрохожие прогуливаются возле римского Колизея без масок на лице
Прохожие прогуливаются возле римского Колизея без масок на лице - Sputnik Italia, 1920, 12.02.2022
Seguici suTelegram
Per la direttrice dell'Ecdc, Andrea Ammon, intervistata da Radio 1 potrebbero esserci nuove varianti oltre Omicron: "La pandemia non è finita".
La variante Omicron segnerà davvero il passaggio da epidemia ad endemia? Per gli esperti del Centro europeo per il controllo delle malattie (Ecdc) è uno scenario molto improbabile.
Il Covid-19 è destinato a restare, scommette Andrea Ammon, la direttrice dell’agenzia, che avverte: “La pandemia non è finita”.
Intervistata da Caffè Europa, su Rai Radio 1, ha detto di temere l’arrivo di nuove varianti del virus: “Non è detto che Omicron sia l'ultima variante che vediamo, è probabile che il Covid rimanga con noi”.
Insomma, mentre diversi Stati europei iniziano ad abbandonare progressivamente le restrizioni, dall’agenzia con sede a Stoccolma, in Svezia, arriva un appello alla cautela.
Nell’ultima mappa del rischio diffusa ieri proprio dall’Ecdc, l’Europa è ancora colorata di rosso scuro, il colore che indica il massimo livello di rischio.
Stop alle mascherine all'aperto, Roma - Sputnik Italia, 1920, 11.02.2022
Covid in Italia: contagi ancora in calo, guariti oltre 10 milioni da inizio pandemia
“Stiamo monitorando molto attentamente quello che succede soprattutto a livello di ospedalizzazione e terapie intensive", ha spiegato Ammon. “Se ci sarà un cambiamento di approccio nelle misure saranno i paesi a deciderlo. Attualmente - ha proseguito - vediamo un'enorme differenza tra le situazioni dei paesi in Europa”.
La direttrice si è detta anche contraria, almeno per il momento, all’abbandono delle mascherine al chiuso. “Non è una misura invasiva”, ha detto, suggerendo di continuare ad usarle all’interno di negozi, locali e uffici, e in generale ovunque non sia possibile rispettare il distanziamento.
Infine, spiega che dalla pandemia abbiamo “imparato molto”, ma che non sappiamo ancora tutto del virus. “Spesso ci ha sorpreso in questi due anni quindi dobbiamo stare molto attenti”, avverte.
Tra le misure che la direttrice dell’Ecdc suggerisce per tenere sotto controllo nuove ondate pandemiche c’è il rafforzamento della sorveglianza e del sequenziamento “per individuare il prima possibile le nuove le varianti del virus”.
A metà gennaio, secondo i dati dell'Istituto Superiore di Sanità, Omicron in Italia era arrivata già all'81 per cento di diffusione, con picchi tra il 33 e il 100 per cento a seconda delle regioni. Oggi secondo gli esperti, come Mauro Pistello, intervistato dall'Adnkronos Salute, la variante potrebbe aver raggiunto il 100 per cento, soppiantando completamente la Delta.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала