Torre Annunziata (NA), l’antimafia mette i sigilli all’ufficio del sindaco

© Foto : Provinciale Carabinieri Roma Sala Stampa Centrale Operativa dei Carabinieri di Roma
 Centrale Operativa dei Carabinieri di Roma - Sputnik Italia, 1920, 10.02.2022
Seguici suTelegram
La Direzione investigativa antimafia bussa alla porta dell’ufficio del sindaco di Torre Annunziata (Napoli) e lo mette sotto sequestro. I sigilli della Dia sono stati apposti anche all’ufficio del dirigente dell’Utc e a quella del presidente del Consiglio comunale.
I carabinieri e la polizia, accompagnati dai magistrati del pool antimafia di Napoli, sono entrati nel comune di Torre Annunziata, ha riferirlo il Napoli Today.
Secondo le fonti di stampa, sono stati sequestrati decine di faldoni pieni di documenti e sono state effettuate anche perquisizioni domiciliari.
Il comune di Torre Annunziata era già sotto la lente d’ingrandimento dell’antimafia per infiltrazioni camorristiche e il nuovo intervento della Dda di Napoli prelude a un coinvolgimento ramificato dei clan camorristici all’interno degli organi ufficiali del Comune partenopeo.
In una precedente inchiesta, l’ex dirigente dell’ufficio tecnico, Nunzio Ariano, ora dirigente del dipartimento economico-finanziario, era stato condannato per tangenti in un altro filone d'inchiesta.
La Guardia di Finanza aveva ascoltato sia Ariano che Gino Di Donna, attuale dirigente dell’ufficio tecnico, durante un interrogatorio, ed ora il nuovo capitolo che si apre nel comune di Torre Annunziata, con il sequestro della stanza del sindaco Vincenzo Ascione.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала