Il centrodestra si spacca anche sui vaccini ai bambini: Salvini e Meloni dicono no, Tajani sì

© Foto : Quirinale - Ufficio StampaIl centrodestra alle consultazioni
Il centrodestra alle consultazioni - Sputnik Italia, 1920, 10.02.2022
Seguici suTelegram
Giorgia Meloni, a capo di Fratelli d’Italia, e Matteo Salvini, a capo della Lega, sui social network hanno manifestamente affermato di non aver vaccinato i rispettivi figli che rientrano nella fascia d'età 5-11 anni, per rivendicare la libertà dei genitori di scegliere se vaccinare o meno i propri figli contro il coronavirus.
Sempre da destra, però, anzi, da centrodestra, interviene Antonio Tajani, vicepresidente di Forza Italia, il quale ha affermato che se lui avesse in questo momento figli piccoli di questa età, 5-11 anni, non esiterebbe a farli vaccinare.
Una visione diametralmente opposta, che vede tre partiti di centrodestra distanti su determinate tematiche.
Non sono queste però le divisioni più profonde su cui il centrodestra deve confrontarsi. Il no ai vaccini e al green pass di Giorgia Meloni e Fratelli d’Italia e la posizione intermedia della Lega sono ben note, come è noto il convinto appoggio di Forza Italia alle misure intraprese dal governo per combattere la pandemia.
La coalizione di centrodestra si è invece incrinata sull’elezione del presidente della Repubblica, mostrandosi incapace di scegliere al suo interno un candidato capace di rappresentare tutti gli italiani.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала