Caro bollette, l’aiuto promesso da Draghi a Genova vale 5-7 miliardi di euro

© Sputnik . Fabio CarboneContatore del gas
Contatore del gas - Sputnik Italia, 1920, 10.02.2022
Seguici suTelegram
“Il governo sta preparando un intervento di ampia portata nei prossimi giorni”, è quanto aveva detto ieri da Genova il presidente del Consiglio Mario Draghi.
Durante la sua prima uscita pubblica dopo le elezioni del Quirinale, alla presenza anche di imprenditori liguri, il premier annuncia il nuovo decreto che Palazzo Chigi e il Mef stanno mettendo in campo contro il caro bollette, diventato insostenibile per molte imprese, costrette a fermare la produzione.
Secondo fonti di stampa, il nuovo provvedimento dovrebbe arrivare in Consiglio dei ministri la prossima settimana e non prevede un nuovo scostamento di bilancio da chiedere al Parlamento.
I fondi sembrano esserci e sono quantificati in circa 5 miliardi, recuperati dalle pieghe del bilancio, ma l'obiettivo sarebbe andare oltre e arrivare a 7 miliardi.
La somma tra i 5 e i 7 miliardi è stata confermata dalla sottosegretaria al Mef, Maria Cecilia Guerra, riporta TgCom24, anche se, spiega chi è vicino al dossier, la situazione è ancora da definire.
I tecnici sono al lavoro, per un intervento che faccia fronte all'emergenza, concentrandosi in particolare sul sostegno alle imprese, ma sono al lavoro anche per una strategia "di sistema", che porti nel lungo periodo a non subire queste variazioni, che sono considerate anche speculative.
Perché speculative? Perché “è bastato che trenta navi statunitensi cariche di gas naturale liquefatto facessero rotta nel Mediterraneo invece che verso Oriente per far scendere i prezzi di molto”, è quanto viene fatto notare.

Caro bollette, tema caro ai partiti

I partiti hanno preso a cuore il caro bollette e sono prodighi nel sostegno al governo, affinché si trovino soluzioni concrete per superare la fase.
Enrico Letta dice che “il tempismo è tutto. Lo si è capito da tante lezioni imparate nelle passate crisi quando gli interventi furono tardivi. Intervenire ora, subito, è fondamentale per evitare che si blocchi la ripresa, chiudano aziende e si indebitino le famiglie”.
Giorgia Meloni si dice disponibile ad appoggiare il governo Draghi sulle decisioni che prenderà in merito al caro bollette. Le “valuterà nel merito e con molta attenzione”.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала