Pfizer, ricavi alle stelle e tagli al personale: 210 lavoratori a rischio a Catania

© REUTERS / Jon NazcaVaccino Pfizer-BioNTech
Vaccino Pfizer-BioNTech - Sputnik Italia, 1920, 08.02.2022
Seguici suTelegram
La società ha fornito ieri pomeriggio ai sindacati una lista di mobilità con 130 nomi. Lavoratori avvisati con un messaggio di Whatsapp.
Nell'Italia del PNRR e della crescita oltre il 6% è successo di nuovo: una multinazionale ha notificato con un clic l'avvio della proceduta per il taglio del personale ai lavoratori in esubero.
Questa volta si tratta di Pfizer, la società farmaceutica che grazie alla produzione del vaccino contro il Covid sta macinando miliardi di dollari. Per questioni di riorganizzazione aziendale ha deciso di ridimensionare lo stabilimento di Catania, dove si produce l'antibiotico Tazocin.

A rischio 1 lavoratore su 3

Così il 3 febbraio ai 650 dipendenti sono stati comunicati 130 esuberi. Ieri la multinazionale ha consegnato alle organizzazioni la lista di mobilità. Oltre i dipendenti a tempo indeterminato i tagli riguardano interinali e stagionali, a cui non verrà rinnovato il contratto.
In totale rischiano di perdere il posto 210 persone. I diretti interessati hanno appreso la notizia con un messaggio inviato via Whatsapp, quando è stata inoltrata la lista con i nomi, secondo quanto riporta Il Fatto Quotidiano.

Ma i dati finanziari sono positivi

Questo avviene mentre l'azienda comunica straordinari risultati per il 2021, con $ 81,3 miliardi di ricavi, e prevede vendite da $ 98 a $ 102 miliardi per il 2022 e un utile per azione corretto da $ 6,35 a $ 6,55, secondo resi noti oggi per l'anno appena trascorso che ha visto il debutto sui mercati internazionali del vaccino Pfizer-Biontech.
Sono cadute nel vuoto le rassicurazioni della società, che con un comunicato diffuso ieri aveva garantito l'intenzione di investire nel sito catanese nei prossimi anni.
"Lo stabilimento di Catania svolge un ruolo fondamentale per Pfizer, inclusa la risposta alla pandemia di Covid-19, la produzione di importanti medicinali iniettabili sterili e antibiotici per i pazienti di tutto il mondo. Il sito continuerà a essere parte integrante della rete globale di produzione e fornitura Pfizer e, infatti, è stato programmato un intervento di modernizzazione, con un ulteriore investimento di 27 milioni di euro nei prossimi tre anni", si legge nel comunicato riportato dal quotidiano La Sicilia.
Paradossalmente, "in previsione di questo investimento, Pfizer ha identificato alcuni adeguamenti necessari, dovuti anche al calo della domanda dei volumi produttivi di un antibiotico iniettabile, che porteranno a una riduzione dell’organico".
Lavoratori e sindacati hanno dato il via ad una serie di iniziative e mobilitazioni in vista dello sciopero del 4 marzo. Martedì 15 febbraio, azienda e sindacati siederanno al tavolo di Confindustria Catania per discutere la vertenza.
In contemporanea i lavoratori hanno organizzato un sit-in per fare sentire la propria presenza durante il confronto.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала