Olimpiadi, quarta medaglia per l'Italia: Federica Brignone argento nel gigante

© Sputnik . Artur Lebedev / Vai alla galleria fotograficaL'esultanza di Federica Brignone
L'esultanza di Federica Brignone - Sputnik Italia, 1920, 07.02.2022
Seguici suTelegram
Quarta medaglia per l'Italia grazie all'argento vinto nel gigante femminile da Federica Brignone. L'azzurra sale di una posizione sul podio: 4 anni fa, alle olimpiadi di Pyeongchang aveva conquistato il bronzo. Era dal 2002 che l'Italia non vinceva una medaglia d'argento nello sci alpino femminile.
Con il tempo di 1.55.97 dietro alla sola svedese (1.55.69), Federica Brignone vince la medaglia d'argento in rappresentanza dell'Italia nella gara del gigante femminile.
La medaglia di bronzo è andata alla svizzera Lara Gut-Behrami.
Arriva così la quarta medaglia per l'Italia a queste olimpiadi invernali Pechino 2022.
L'Italia argento nello short track - Sputnik Italia, 1920, 05.02.2022
Olimpiadi Pechino, medaglia d'argento per l'Italia nella staffetta dello short-track
La sciatrice azzurra quattro anni fa aveva strappato un bronzo alle olimpiadi di Pyeongchang 2018. Oggi migliora il proprio risultato, confermandosi campionessa in questa disciplina.
La vittoria fa segnare anche la prima medaglia per lo sci alpino nell'edizione attuale delle olimpiadi.
Importantissimo risultato, anche perché era dal 2002, con Isolde Kostner, che l'Italia non vinceva una medaglia olimpica nello sci alpino femminile. In quell'occasione si era a Salt Lake City, negli Usa.
La Brignone ha inoltre 31 anni, e segna così nella giornata di oggi un altro record: è l'atleta più anziana della storia a vincere una medaglia nella disciplina dello slalom gigante.
Non riesce a trattenere l'entusiasmo la sciatrice, come traspare dalle sue stesse parole, riportate da Adnkronos:
"Mi sono emozionata tantissimo sul podio e credo che si sia visto. Oggi è stata una giornata tostissima, mi dicevo 'tieni duro', pensavo al fatto che mi stavo giocando una medaglia e poi mi costringevo a pensare ad altro. Iniziare così è tanta roba, sognavo di portare a casa una medaglia dalle Olimpiadi e ce l'ho già dalla prima gara".
Fondamentale il controllo mentale sulla performance in gara, anche perché, come riferisce la stessa, le condizioni di gara erano "parecchio differenti" da quelle cui gli atleti europei sono abituati, con una neve "diversa, mai vista prima", ancora da Adnkronos:
"Tre giorni fa quando ho messo gli sci su questa neve per la prima volta, ho subito pensato che fosse una neve mai vista in Europa. Ho cercato di abituarmi, cercare di capire cosa fosse il meglio su questa neve e ho capito che se avessi condotto le curve sarei stata più veloce sopra il palo. Essendo una mia qualità, in questi giorni ho cercato di concentrami su questo. Oggi, quando ho messo i bastoni fuori dal cancelletto ho pensato a fare proprio questo, cercando di stare calma".

Nella prima manche l’azzurra era arrivata in terza posizione a 42 centesimi di secondo dalla prima, la svedese Sarah Hector poi confermatasi medaglia d'oro.
Il presidente del Coni, Giovanni Malagò, in isolamento per il Covid-19, ha espresso così la gioia per la medaglia conquistata dall'azzurra, come riportato da Open:
"Una Federica strabiliante, eccezionale, una medaglia di grande valore, al di là del colore (...) Sapevamo che questa era una delle sue carte da giocare in questi Giochi e lei si è confermata al top. Sapevamo che lei voleva fortemente una medaglia a queste Olimpiadi e per ora ha centrato la prima. Si è ripetuta a distanza di 4 anni, ribadendo, come sempre, di essere una garanzia".
Di seguito nel tweet in calce l'omaggio alla azzurra da parte della Federazione italiana dello sci:
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала