Green pass, Bassetti: "Ha fatto il suo tempo, si può pensare di farne a meno"

© Foto : FacebookMatteo Bassetti, infettivologo, primario dell’ospedale San Martino di Genova
Matteo Bassetti, infettivologo, primario dell’ospedale San Martino di Genova - Sputnik Italia, 1920, 07.02.2022
Seguici suTelegram
Nella nuova fase della pandemia per l'infettivologo la risposta dovrebbe concentrarsi sui sintomatici e non sul tracciamento. Il certificato verde ha esaurito la sua funzione e potrà essere tolto a marzo, quando verrà raggiunta l'immunità di sicurezza.
Per Matteo Bassetti è arrivato il momento di pensare a quando archiviare il Green pass. Il primario di Malattie Infettive dell'ospedale San Martino di Genova, intervenuto a "Mattino Cinque News", ritiene che in questa fase siano necessari altri strumenti di risposta alla pandemia di Covid-19.
"L'ideale adesso sarebbe concentrarsi sui sintomi, abbandonando tutto ciò che riguarda il tracciamento. Non l’abbiamo mai fatto e non vedo perché dobbiamo farlo ora che il virus è divenuto un virus influenzale, è altamente depotenziato", ha detto Bassetti prendendo spunto dalle nuove misure vigenti da oggi nelle scuole.
"Oggi abbiamo due strumenti, la vaccinazione e l'attenzione ai sintomatici", ha specificato.
La certificazione verde, secondo l'infettivologo, diventerà "ridondante" dal 15 febbraio, quando diventerà obbligatorio il vaccino per gli over 50.
“Io sono stato un forte sostenitore di vaccino e green pass , ma credo - sottolinea - che per ogni strumento introdotto servano obiettivi. Il green pass ha fatto il suo compito" raggiungendo il 90% di over 12 vaccinati.
"Se il suo obiettivo - prosegue - era quello di far vaccinare la popolazione, probabilmente entro la fine di marzo dovremmo raggiungere l'immunità di sicurezza, con oltre il 95% degli italiani vaccinati/guariti".
Bassetti suggerisce che il Green pass venga tolto in primavera, alla fine dello stato d'emergenza il 31 marzo o ad aprile, ed esclude che possa essere mantenuto in estate.
"Forse varrebbe la pena lasciarlo per chi deve prendere un aereo o un treno di lunga percorrenza, ma per gli altri usi se ne potrebbe fare a meno", ha concluso.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала