Campi Flegrei, sciame sismico attivo: 11 scosse in un'ora avvertite a Napoli

© Depositphotos / Sudok1Sismografo di terremoto
Sismografo di terremoto - Sputnik Italia, 1920, 06.02.2022
Seguici suTelegram
La sequenza di terremoti a bassa energia è iniziata dopo le 8 del mattino e si è protratta oltre le 10. Di magnitudo 1 la scossa più forte, avvertita a Napoli.
Uno sciame sismico ha interessato questa mattina l'area dei Campi Flegrei, in particolare quella a Sud Ovest della Solfatara, con 11 scosse superficiali e a bassa intensità registrate dai sismografi dell'Osservatorio vesuviano.
La sequenza di micro-terremoti, legata al fenomeno del bradisismo, è iniziata alle 8.10 e si è conclusa alle 10.48. L'evento maggiore ha colpito alle 10.13 il quartiere napoletano di Bagnoli con un'intensità di 1 grado della scala Richter, ad una profondità di 1,9 chilometri.
La scossa è stata avvertita dalla popolazione residente nell'area e a Pozzuoli, a conclusione di sei micro-scosse avvenute in meno di dieci minuti, di intensità compresa tra 0.1 e 0.7.
Anche se lo sciame sismico non ha provocato danni a persone o cose, sono state messe in campo la Polizia Municipale e le squadre della Protezione civile per le opportune verifiche.

Il fenomeno del bradisismo

Il territorio flegreo è caratterizzato dal fenomeno del bradisismo, il sollevamento del suolo determinato dall'aumento della temperatura e della pressione sotterranea. Il terreno si solleva secondo una geometria a "cupola", di cui Pozzuoli costituisce l'apice.
Nella zona il fenomeno ha causato negli anni il sollevamento del suolo: tra il 1970 e il 1972 il terreno si è sollevato di 170 centimetri nel porto di Pozzuoli e tra il 1982 e il 1984 un secondo episodio ha causato un innalzamento di tre metri delle banchine.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала