Festival di Sanremo, terza serata: per la prima volta tutti i grandi in gara

© REUTERS / Alessandro GarofaloUna musicista si esibisce durante il 71° Festival di Sanremo al Teatro Ariston a Sanremo, il 2 marzo 2021
Una musicista si esibisce durante il 71° Festival di Sanremo al Teatro Ariston a Sanremo, il 2 marzo 2021 - Sputnik Italia, 1920, 04.02.2022
Seguici suTelegram
La terza serata del Festival ha visto in gara per la prima tutti e 25 i grandi, si parte con l'omaggio a Mattarella, Cremonini fa ballare l'Ariston, Drusilla Foer si prende la scena e tutti in piedi con Saviano in ricordo delle vittime delle stragi di Capaci e via D'Amelio.
Si parte con l'omaggio di Amadeus a Sergio Mattarella, rieletto Presidente della Repubblica, e poi via alla maratona canora, ed è proprio il caso di dirlo vista la durata della trasmissione, Noemi sale sul palco per ultima e le lancette ci dicono che è l'1:25.
Alla fine della terza serata, sommando le votazioni della stampa delle prime due serate con il televoto e la giuria demoscopica, questo è il podio: Mahmood & Blanco si piazzano in prima posizione, a seguire Elisa e in terza posizione l’eterno Gianni Morandi.
Le esibizioni canore ci confermano le sensazioni delle prime due serate: Mahmood e Blanco si confermano come potenziali vincitori, tutto convince della loro interpretazione; Elisa, che dire meravigliosa è poco; Emma trascinante; tra i vecchi leoni, l'intramontabile Gianni Morandi si diverte, e diverte, sulle note della canzone scritta per lui da Jovanotti; Massimo Ranieri ruggisce ancora; la Rettore, con Ditonellapiaga, sembra ritornata agli antichi ‘splendidi e splendenti’ splendori e Iva Zanicchi aggiusta la voce e ci dà dentro.
Bene o molto bene Sangiovanni, Noemi, splendida ultima a notte fonda, Highsnob e Hu, Dargen D'Amico e Irama, il resto nella normalità, qualcuno anche un po' sotto.
L’attessissima Drusilla Foer, per quanti non la conoscessero è il personaggio ‘en travesti’ creato dell’attore fiorentino Gianluca Gori, esploso sul web e diventato immediatamente popolare, centra in pieno tutte le attese con divertenti siparietti.
Cesare Cremonini, super ospite canoro della serata, si prende una meritata standing ovation dal pubblico dell’Ariston e ancora tutti in piedi nel ricordo delle vittime delle stragi di Capaci e Via d'Amelio con l’arrivo di Roberto Saviano.
Sul palco dell'Ariston anche la carabiniera Martina Pigliapoco, che a ottobre 2021 salvò una donna da un tentativo di suicidio dopo un colloquio di tre ore sospeso a centinaia di metri su di un ponte tibetano.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала