Ondate di calore nelle acque degli oceani, ormai un evento abituale per gli scienziati

© Sputnik . Vladimir Astapkovich / Vai alla galleria fotograficaOceano
Oceano - Sputnik Italia, 1920, 03.02.2022
Seguici suTelegram
Dal 2014 sono state osservate temperature estremamente elevate in più della metà degli oceani del mondo, nel 2019 sono state osservate "ondate di calore" sul 57% della superficie oceanica, si afferma in uno studio dei ricercatori del Monterey Bay Aquarium (Usa, California), pubblicato sulla rivista PLOS Climate.
Gli scienziati americani hanno analizzato i dati sulle temperature della superficie dell'oceano negli ultimi 150 anni.

"Il primo anno in cui più del 50% degli oceani ha registrato temperature ai massimi è stato il 2014. Questa tendenza è proseguita negli anni successivi, raggiungendo, nel 2019, il 57% della superficie degli oceani. Allo stesso tempo, alla fine dell'Ottocento solo il 2% della superficie oceanica ha registrato temperature estremamente elevate", si afferma nella ricerca.

Come notato nell'articolo, il 2014 dovrebbe essere riconosciuto come il "punto di non ritorno" per lo stato dell'oceano. Inoltre, le "ondate di calore" sono diventate la norma per l'Atlantico meridionale nel 1998 e per l'Oceano Indiano nel 2007. L'aumento maggiore, 5,3 volte rispetto al secolo scorso, è stato l'aumento della superficie oceanica nell'Artico, soggetta alle "ondate di calore".
Oceano Indiano - Sputnik Italia, 1920, 25.01.2022
Gli scienziati ci spiegano come sono apparsi gli oceani sulla Terra
Gli autori dell'articolo osservano che le "ondate di calore" nell'oceano influenzeranno il suo ecosistema. È generalmente accettato che il riscaldamento e le sue conseguenze per il pianeta siano eventi futuri, ma, secondo i risultati dello studio, questa si tratta di una questione attuale dei nostri giorni.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала