Giuramento di Mattarella: "Costruire l’Italia del dopo emergenza"

© REUTERS / Italian Presidency/Paolo GiandottiПрезидент Италии Серджо Маттарелла после переизбрания в Риме
Президент Италии Серджо Маттарелла после переизбрания в Риме  - Sputnik Italia, 1920, 03.02.2022
Seguici suTelegram
Mattarella presta giuramento, a norma dell’articolo 91 della Costituzione Italiana. Questo è il secondo giuramento per Mattarella da presidente della Repubblica.
Il presidente della Camera dei deputati, Roberto Fico, chiama Sergio Mattarella a prestare giuramento come presidente della Repubblica e, dopo la lettura della breve formula, lo salutano 12 colpi di cannone a salve dal Gianicolo.
Applauditissimo Mattarella dall'inizio alla fine del suo discorso, iniziato ricordando che la "chiamata" del Parlamento è stata per lui "inattesa", ma "alla quale non ho voluto sottrarmi”, ha dichiatato dalla Camera dei deputati.
“Vi ringrazio per la fiducia manifestata chiamandomi per la seconda volta a rappresentare l’unità della Repubblica”, ha detto.
Un pensiero anche agli italiani e alle italiane, e in particolare a coloro che attendono una risposta ai loro disagi. E, a tale riguardo, nel "voto del Parlamento leggo la consapevolezza di questa urgenza di non lasciare un vuoto politico", ha aggiunto il Capo dello Stato.
“Giorni travagliati, anche per me”, ha affermato Mattarella, accompagnato da un nuovo applauso.

Le urgenze

Mattarella elenca "Le urgenze sanitarie, economiche e sociali che ci attendono e contro cui non sono ammesse incertezze e disattenzioni".
Poi ricorda che “l’Italia è un grande paese” e che lo spirito d'iniziativa e di creatività, anche delle imprese, ci ha permesso di ripartire.
Serve ora un “salto d'efficienza del sistema paese”, servono capitali e poi bisogna fare fronte all’aumento delle bollette e alla scarsità delle risorse per l’industria italiana.

Bisogna rilanciare l'economia con sostenibilità e innovazione

Bisogna rilanciare l’economia all’insegna della sostenibilità nell’ambito del Next Generation EU.
"Viviamo in una fase straordinaria in cui l'agenda politica è in gran parte definita dalla strategia condivisa in sede europea. L'Italia è al centro dell'impegno di ripresa dell'Europa. Siamo i maggiori beneficiari del programma Next Generation e dobbiamo rilanciare l'economia all'insegna della sostenibilità e dell'innovazione, nell'ambito della transizione ecologica e digitale".
Costruire l’Italia del dopo emergenza, superando il declino demografico a cui l’Europa sembra condannata.
Giovani confinati nelle periferie esistenziali, una parità sociale serve a togliere il freno alle prospettive di crescita. E anche rimuovere l'ostacolo all'accesso al mondo del lavoro è un'opera di dignità per il paese da portare avanti.
Come le morti sul lavoro, che feriscono la società e la coscienza di ognuno di noi. Mai più tragedie come quelle di Lorenzo Parelli, lo studente affidato all'alternanza scuola-lavoro e non tornato più a casa.

Fiducia nella giustizia

Ampia parentesi dedicata alla giustizia, alla responsabilità della magistratura, alla sua indipendenza, alla credibilità che la magistratura deve recuperare e avere agli occhi dei cittadini.
La giustizia, dice Mattarella, ha un ruolo chiave nella società.
Mattarella ha anche toccato i temi internazionali che riguardano l'Europa, in questa sua fase di trasformazione e di riassetto socio-economico.
Infine, un saluto a papa Francesco, a cui esprime i sentimenti di riconoscenza del popolo italiano.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала