Tamponi, saturimetro e sedie da pc: così la pandemia cambia il paniere dell'Istat

© Sputnik . Evgeny UtkinTamponi in farmacia
Tamponi in farmacia  - Sputnik Italia, 1920, 02.02.2022
Seguici suTelegram
Nel paniere 2022 entrano nella lista dei beni essenziali anche saturimetro, tamponi, test salivari, sedie da ufficio e le sedute di psicoterapia individuale.
La pandemia cambia le abitudini degli italiani e, di conseguenza, anche la composizione del paniere dell’Istat per la rilevazione dei prezzi al consumo.
Nel 2022, per la prima volta, entrano nella lista anche i tamponi antigenici, quelli molecolari e i test sierologici per il Covid-19, i saturimetri, le sedie da computer per il lavoro a distanza e le sedute di psicoterapia individuale.
Tra i beni essenziali, quest’anno, ci sono anche la friggitrice ad aria, le insalate pokè take away e gli streaming di contenuti musicali. Il pane di altre farine, il gas di città e gas naturale mercato libero e gli occhiali da lettura entrano tra i consumi consolidati, mentre escono dal paniere 2022 compact disk e hoverboard.
I prodotti elementari contenuti nel paniere che viene utilizzato dall’Istat per calcolare l’indice NIC, per la collettività nazionale, e l’indice FOI, quello relativo alle famiglie di operai e impiegati, sono 1.772, una quarantina in più rispetto al 2021, mentre per calcolare l’indice IPCA armonizzato a livello europeo i prodotti elementari inclusi nel paniere sono 1.792.
I test per il coronavirus - Sputnik Italia, 1920, 08.10.2020
Altroconsumo: indagine su costo per tamponi e test sierologici
“Le novità del 2022 riflettono la costante evoluzione dei comportamenti di spesa delle famiglie ma anche l’impatto di eventi, come la pandemia tuttora in corso, che condizionano le scelte d’acquisto e la struttura della spesa per consumi”, spiega l’Istituto di statistica.
“Oltre che delle novità nelle abitudini di spesa delle famiglie, - si legge ancora in una nota - l’aggiornamento dei beni e servizi compresi nel paniere tiene conto dell’evoluzione di norme e classificazioni e in alcuni casi arricchisce la gamma dei prodotti che rappresentano consumi consolidati”.

I beni che entrano nel paniere quest’anno “rispecchiano le profonde modifiche registrate nelle abitudini dei cittadini a causa dal Covid”, commenta anche il presidente del Codacons, Carlo Rienzi. “Prodotti quasi sconosciuti ai consumatori prima della pandemia - aggiunge - e che l’emergenza sanitaria ha reso indispensabili per la vita quotidiana degli italiani”.

L’associazione dei consumatori plaude alla decisione dell’Istat di incrementare il peso attribuito alla voce Trasporti all’interno del paniere NIC. Un comparto, spiega il Codacons, “che assorbe una consistente fetta della spesa delle famiglie e che è attualmente caratterizzato da forti tensioni sul fronte dei prezzi”.
Sbagliato, invece, commenta ancora l’associazione “il calo del peso di ‘Prodotti alimentari e bevande analcoliche’ dal medesimo paniere, trattandosi di beni primari indispensabili che incidono in modo rilevante sulle spese delle famiglie”.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала