Il Cts acconsente a dimezzare la durata della quarantena per i non vaccinati a scuola

Bambini a scuola
Bambini a scuola - Sputnik Italia, 1920, 02.02.2022
Seguici suTelegram
Anche gli studenti non vaccinati ottengono un premio dal Comitato tecnico scientifico che sostiene il governo nelle sue scelte politiche sulla gestione della pandemia.
La quarantena passi da 10 a 5 giorni per i ragazzi che risultano contatto stretto di un positivo ma non sono vaccinati.
È questo, secondo quanto si apprende, l'orientamento espresso dal Comitato tecnico scientifico chiamato ad esprimere un parere sulla gestione dei casi di positività in ambito scolastico.
Gli esperti avrebbero in sostanza proposto un periodo di quarantena per i non vaccinati di 5 giorni, come già avviene per gli adulti vaccinati e guariti da più di 120 giorni.
Chi ha completato il ciclo vaccinale o è guarito da meno di 4 mesi non deve invece fare la quarantena.
Questa la semplificazione burocratica richiesta da più parte nel e per il mondo della scuola, e verso cui si protende.
In un’altra ipotesi prospettata dal sottosegretario alla Salute Andrea Costa, si prevedeva invece la didattica a distanza per i non vaccinati e la scuola in presenza per gli studenti e le studentesse vaccinati.
Una soluzione quest’ultima che non era affatto piaciuta a Matteo Salvini e che vede contraria tutta la Lega.
Intanto questa mattina è intervenuto l’altro sottosegretario alla Salute, Pierpaolo Sileri, per dare una buona notizia agli italiani. Entro le prossime 2 – 4 settimane i casi di infezione saranno notevolmente ridotti e si potrà pensare a una prima riduzione delle misure, come l’eliminazione dell’obbligo di mascherina all’aperto.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала