Pedofilia nella Chiesa, il capo dei vescovi tedeschi: "Ratzinger chieda perdono"

© AP PhotoJosef Ratzinger
Josef Ratzinger - Sputnik Italia, 1920, 31.01.2022
Seguici suTelegram
Il presidente della Conferenza episcopale tedesca ritiene che il Papa emerito debba ammettere la sua colpa e chiedere scusa ai cattolici tedeschi per l'insabbiamento dei casi di pedofilia nella diocesi di Monaco.
La falsa testimonianza del papa emerito Benedetto sullo scandalo degli abusi ha causato "un danno immenso" alla Chiesa e sono necessarie le scuse. Lo ha dichiarato monsignor Georg Baetzing, presidente della Conferenza episcopale tedesca in un'intervista all'emittente pubblica ZDF.
"Deve fare una dichiarazione, deve mettere da parte le raccomandazioni dei suoi consiglieri e dire chiaramente e semplicemente: ho una colpa, ho fatto degli errori, chiedo perdono alle persone colpite".
Il Papa emerito, secondo il vescovo di Limburgo, dovrebbe prendere le distanze dai suoi consiglieri. La stoccata è diretta al segretario personale di Benedetto XVI, monsignor Georg Gaenswein.
In una nota inviata alla commissione d'inchiesta, Ratzinger ha riconosciuto di aver preso parte ad una riunione agli inizi degli anni '80, contrariamente a quanto precedentemente dichiarato.

Gli abusi nella diocesi di Monaco di Baviera

Dal 1945 al 2019, nell'arcidiocesi di Monaco di Baviera sono state compiute violenze sessuali su quasi 500 persone. Secondo gli autori del rapporto, sui casi di abusi nella diocesi, 247 vittime sono maschi e 182 femmine. Il 60% aveva tra gli otto e i 14 anni.
L’indagine, condotta dallo studio legale Westpfahl Spilker Wastl, su incarico, dal 2010, della stessa arcidiocesi di Monaco, guidata dal cardinale Reinhard Marx, ha messo in luce il fatto che in due dei casi si tratterebbe di religiosi, i cui abusi erano stati documentati da tribunali statali.
I due preti sono rimasti attivi nella cura delle anime e contro di loro non è stata intrapresa alcuna azione dal punto di vista del diritto ecclesiastico.
Lo scandalo ha sfiorato il papa emerito Josef Ratzinger, accusato di aver ignorato i casi di abusi che riguardavano 4 religiosi mentre ricopriva la carica di arcivescovo di Monaco. In sua difesa, Ratzinger aveva inviato una memoria di 82 pagine, in cui smentiva tutte le accuse, dichiarandosi ignaro dei fatti.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала