Imperia, a nulla sono valsi i soccorsi per un delfino spiaggiato, il cetaceo è morto

© Sputnik . Anton Denisov / Vai alla galleria fotograficaDelfino
Delfino - Sputnik Italia, 1920, 31.01.2022
Seguici suTelegram
L'esemplare spiaggiato ad Imperia purtroppo non ce l'ha fatta, nonostante i tentativi di soccorso da parte dei biologi e veterinari intervenuti sulla spiaggia di Borgo Marina, ad Imperia.
L'esemplare di stenella striata - Stenella coeruleoalba - era stato trovato in difficoltà nelle vicinanze della nota spiaggia di Borgo Marina, ad Imperia.
A nulla sono valsi i tentativi di biologi e veterinari intervenuti in loco di portare l'animale a riprendere il largo.
L'esemplare, risultato essere un maschio e della grandezza di 1 metro e 90 cm, è morto.
Allertata sull'accaduto anche la Capitaneria di Porto, e i veterinari dell'Istituto Zooprofilattico e il CERT della cittadina ligure.
Davide Ascheri, Presidente della Associazione Delfini del Ponente, ha espresso così il rammarico per l'episodio, sottolineando il fatto che è strano, parafrasando, che un animale abituato alle acque profonde, si sia spinto vicino al litorale, come riferisce il quotidiano locale Imperia News:
“Se una stenella striata, che è un animale che vive generalmente al largo, in acque profonde e non costiere si avvicina alla riva sicuramente c’è qualcosa che non va ed è oggettivamente difficile che sopravviva".
Il biologo ha poi proseguito nel suo commento sull'accaduto avvertendo che in tali casi è sempre bene avvertire la Capitaneria di porto al numero 1530, e che è necessaria prestare la massima attenzione: spesso infatti, nel corso di tentativi maldestri di aiuto nei confronti dell'animale trovato spiaggiato si può ferirlo o si possonon peggiorare le cose; sempre meglio che a effettuare le manovre di aiuto sia personale esperto e specializzato:
"Avvicinarsi, farsi le foto con l’animale morente o deceduto e toccarlo non è sicuramente la cosa corretta da fare (...) E nemmeno provare, mossi da buona fede, ad aiutare autonomamente l’animale perché si potrebbe correre il rischio di soffocarlo e di sottoporre l’animale ad un forte stress per via della presenza umana”.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала