Covid, Burioni: "Vaccino miracoloso, le donne incinta devono vaccinarsi"

© Foto : CC BY-SA 2.0Virologo Roberto Burioni
Virologo Roberto Burioni - Sputnik Italia, 1920, 31.01.2022
Seguici suTelegram
Il virologo del San Raffaele, ospite nel salotto di Fabio Fazio, ha parlato dell'efficacia e della sicurezza del vaccino anti-covid, su persone che non sanno di essere positive e donne incinta.
"Le donne incinta devono vaccinarsi". Lo ha detto il professor Roberto Burioni, virologo dell'Università Vita-Salute San Raffaele di Milano, nell'appuntamento della domenica sera a Che tempo che fa, su Rai3.
"I rischi del Covid in gravidanza sono non indifferenti. - spiega Burioni -Prendere il Covid incinta è un problema anche per le mamme più giovani. La malattia non fa bene nemmeno al feto, con rischi di parto prematuro e danni molto gravi".
Con la vaccinazione "non proteggiamo solo la mamma e il feto - prosegue il virologo - ma anche i neonati", perché durante l'ultimo periodo di gravidanza la madre trasmette i suoi anticorpi al bambino che "in questo modo avrà tutti gli anticorpi della mamma nei primi difficili mesi di vita - ribadisce - Se la madre non ha gli anticorpi non può darli al feto". Dunque vaccinare una donna incinta è "fondamentale", precisa Burioni.

Incomprensibile il rifiuto del vaccino

"Rimango stupito di fronte al 10% di persone che rifiutano senza alcuna motivazione razionale un vaccino che ha una sicurezza mai vista prima e un’efficacia superiore a ogni speranza. Il vaccino è miracoloso, protegge con una percentuale altissima contro le conseguenze gravi del covid", osserva il virologo, tornando sulla questione degli scettici e dei no vax che hanno animato le proteste di piazza negli ultimi mesi.
"Durante il lockdown lo abbiamo sognato un vaccino così. - ricorda Burioni - Sapere che qualcuno lo rifiuta è incomprensibile per un medico, ci vuole un sociologo per capire perché succede".

Positivi vaccinati per sbaglio

Con l'impennata dei casi Covid molte si diffonde il timore di possibili effetti avversi del vaccino somministrato per sbaglio a persone positive che non sanno di esserlo. Su questo punto Burioni tranquillizza: "Non c’è nessun problema per chi ha il covid e si vaccina"
"Se uno ha il covid e si vaccina - spiega - l’unico effetto negativo è lo spreco di una dose di vaccino.

I numeri della campagna di vaccinazione

In Italia sono sono state somministrate in totale 127.860.656 le dosi di vaccino anti-Covid, secondo il rapporto Aifa aggiornato a lunedì 31 gennaio. 47.332.846 persone (87,64 % della popolazione maggiore di 12 anni) hanno completato il ciclo vaccinale. 33.148.664 persone hanno ricevuto la terza dose addizionale o di richiamo.
Almeno una dose del vaccino pediatrico in fascia 5-11 è stata ricevuta da 1.178.061 bambini.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала