Migranti a Lampedusa, FdI chiede il blocco navale. Pisano: “Siamo in emergenza, Europa assente”

© Foto : fornita da FdI AgrigentoCalogero Pisano, FdI Agrigento
Calogero Pisano, FdI Agrigento - Sputnik Italia, 1920, 29.01.2022
Seguici suTelegram
Approfondimento
Il commissario di FdI Agrigento: “Arrivi raddoppiati rispetto all’anno scorso”. Con la nuova ondata di contagi Omicron, “nave quarantena ed hotspot non sono sufficienti a garantire la sicurezza sanitaria. La sensazione di abbandono è comune”.
Con la tregua dal maltempo, a Lampedusa riprendono gli sbarchi di migranti, che si sono intensificati nell’ultima settimana. Martedì scorso ha destato sgomento l’ennesima tragedia del mare, l’arrivo di un barcone con 280 persone e 8 morti per assideramento durante la traversata. Il commissario di Fratelli d’Italia Agrigento, Calogero Pisano, ha risposto da Roma, dove si trova come delegato del partito per l’elezione al Quirinale, ad alcune domande di Sputnik Italia sul complesso fenomeno migratorio e la situazione a Lampedusa, porta d’ingresso d’Europa.
© Foto : concessa da FdI AgrigentoCalogero Pisani, FdI Agrigento
Calogero Pisani, FdI Agrigento - Sputnik Italia, 1920, 29.01.2022
Calogero Pisani, FdI Agrigento
- Dottor Pisano, a Lampedusa sono ripresi con intensità gli sbarchi autonomi, si rischia un’emergenza migranti anticipata rispetto all’estate?
- Il bel tempo incoraggia le partenze e, dunque, durante questo periodo di mare piatto, ci sono stati numerosi sbarchi di migranti, autonomi in particolare, ma anche trasbordati dalle navi ONG. Siamo certamente in emergenza, se si considera, peraltro, che rispetto allo stesso periodo dello scorso anno gli arrivi a Lampedusa sono raddoppiati.
I migranti in Italia - Sputnik Italia, 1920, 25.01.2022
Migranti in Italia, dalla Libia attraverso campi di detenzione: ma perché proprio da noi?
- Qual è attualmente la situazione sull’isola e quali le problematiche legate al fenomeno migratorio nel breve-medio periodo?
- In questo momento, l’hotspot di Contrada Imbriacola è pieno oltre il limite della capienza ed altre centinaia di migranti sono sulla nave quarantena, Moby Dada, ormeggiata di fronte le coste lampedusane.
I problemi sono diversi, il fatto di essere al centro dell’attenzione mediatica per i continui sbarchi danneggia l’immagine dell’isola, questo ha ripercussioni sul turismo, principale fonte di sostentamento per i lampedusani.
Un problema serio è quello dei detriti e dei liquidi inquinanti provenienti dai relitti dei barconi, utilizzati per le traversate e lasciati ormeggiati per lungo tempo nel porto, semi-affondati o fortemente danneggiati dalle violente mareggiate, che rappresentano un grave pericolo l’ambiente e per gli altri natanti.
Altro pericolo è, ovviamente, quello sanitario, in particolar modo per gli operatori e le forze dell’ordine, che con i migranti sono a contatto.
migranti - Sputnik Italia, 1920, 25.01.2022
Ennesimo sbarco a Lampedusa, 280 persone: a bordo del natante anche 3 morti
- Con la nuova ondata di Omicron, le navi quarantena sono sufficienti a garantire la sicurezza sanitaria?
- Con l’aumentare esponenziale degli sbarchi, la nave quarantena e l’hotspot non sono assolutamente sufficienti a garantire gli standard minimi di sicurezza sanitaria, la forzata restrizione degli spazi determina un più stretto contatto tra gli ospiti, che fa innalzare a dismisura la probabilità di trasmissione del contagio.
- In un contesto d'emergenza sanitaria, quali sono gli stati d’animo della popolazione, anche rispetto al dramma dei 7 morti sul barcone con 280 persone approdato martedì scorso?
- C’è un misto di tristezza, preoccupazione e sgomento, vedere uomini, donne e bambini perdere la vita in mare è qualcosa che addolora e devasta tutti, ma c’è anche il timore diffuso che i continui sbarchi, soprattutto quelli autonomi, possano costituire un rischio sanitario per la popolazione.
I profughi  arrivati a Lampedusa  - Sputnik Italia, 1920, 11.01.2022
Arrivi illegali in UE nel 2021 sopra i livelli pre-pandemici
C’è tanto disappunto perché non si comprende come il governo, da un lato, imponga restrizioni al limite della costituzionalità come il green pass, necessario ormai per accedere ovunque, e dall’altro lato permetta a migliaia di persone di entrare clandestinamente nel nostro Paese.
- Lampedusa è l’ultima frontiera dell’Europa, l’Europa e lo Stato italiano stanno facendo abbastanza per gestire il fenomeno o vi sentite abbandonati?
- La sensazione di abbandono è comune, la gestione del fenomeno migratorio di questo governo, e del Ministro Lamorgese, ha di fatto incentivato gli arrivi di migliaia di clandestini, provocando disagi alla popolazione, favorendo il business dell’accoglienza e del malaffare, che spesso dietro di esso si cela.
L’Europa, al di là delle ipocrite promesse, mai mantenute, di redistribuzione dei migranti, è totalmente assente.
- Quale soluzione propone Fratelli d’Italia?
- Bisogna fermare subito l’immigrazione clandestina, predisponendo, sotto l’egida dell’Unione Europea, un blocco navale a largo delle coste africane, ciò disincentiverebbe scafisti, trafficanti di essere umani e partenze e si avrebbero meno sbarchi e, soprattutto, molti meno morti.
Sabee Al Saidi, l'influencer tunisina che ha postato la traversata in mare - Sputnik Italia, 1920, 04.12.2021
L’influencer tunisina e la traversata del Mediterraneo postata sui social che imbarazza Lamorgese
È indispensabile che i paesi dell’Europa affrontino il problema dell’immigrazione unitariamente, approntando una serie di misure che aiutino lo sviluppo economico degli Stati di provenienza di questa gente e che evitino la cinica sottrazione, da parte delle multinazionali occidentali, delle materie prime e delle risorse naturali di quei paesi.
L'opinione dell'autore potrebbe non riflettere la posizione della redazione
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала