Francia, "bisticcio in famiglia": la nipote non appoggerà la zia Marine Le Pen

© Sputnik . Ramil SitdikovMarine Le Pen
Marine Le Pen - Sputnik Italia, 1920, 29.01.2022
Seguici suTelegram
Sebbene solo qualche giorno fa circolasse la notizia di un appoggio della nipote nei confronti di Marine Le Pen, è di oggi l'annuncio di un "dietrofront". La 32enne, ex deputata del Vaucluse, amata dall'ala più estrema della destra francese, si è dichiarata scettica nei confronti dell'illustre zia.
In un colloquio con Le Parisien, l'ex deputata nipote di Marine Le Pen, Marion Maréchal, ha dichiarato:
"Se appoggerò Eric non sarà giusto per farmi vedere e dire “sono qua”. Vorrà dire tornare in politica e dunque lasciare l’Issep (la scuola di formazione politica che ha fondato a Lione). È una vera scelta di vita, una decisione importante".
In merito all'ipotetico appoggio da parte sua nei confronti della zia, Marion Maréchal ha poi specificato:

"Avevo detto di auspicare un’unione della destra patriottica dietro il candidato meglio piazzato. Ma vediamo bene che non si sta certo prendendo la strada dell’unione, e non so chi sia il meglio piazzato,la campagna è ancora lunga. Eric Zemmour ha un margine di progresso presso le classi popolari e gli astensionisti più grande di quello di Marine Le Pen tra le fasce superiori della popolazione. È difficile togliersi di dosso una certa immagine in politica".

Sebbene l'annuncio sia stato da parte sua "cauto" e non si sia espressa con un netto rifiuto all'appoggio nei confronti della sua familiare, le sue parole sono state interpretate come una "chiara ed inequivocabile scelta di schieramento", soprattutto dalla Le Pen, che pare non l'abbia presa bene.
Invitata a una trasmissione su Cnews, rete TV vicina a Zemmour e alla galassia del nazionalismo francese, La Le Pen ha reagito così alla notizia:

"Penso che se vi dicessi che questa cosa non mi ferisce, nessuno ci crederebbe. Con Marion ho una storia particolare, perché l’ho cresciuta con mia sorella nei suoi primi anni di vita. Quindi è chiaramente qualcosa di brutale, di violento, di difficile per me".

Marion Maréchal, figlia di Yann Le Pen (figlia a sua volta di Jean-Marie e sorella di Marine) ha esordito in politica proprio con la zia e con il cognome della madre, Le Pen.
Ha poi preso il cognome del secondo marito della madre, Samuel Maréchal, esponente del Front National, che la ha riconosciuta come figlia.
La Maréchal viene da molti identificata come "l'anima più tradizionalista del Front National stesso", ala del partito che raccoglie da sempre maggiori voti nei dipartimenti del Sud del Paese, e con chiari riferimenti alla tradizione cattolica e conservatrice.
La Le Pen, di contro, sembra raccogliere maggiori consensi al Nord e nelle classi popolari.
Marion Maréchal ha fondato l'ISSEP, Istituto di scienze sociali, economiche e politiche, ma l'interesse per la politica è rimasto sempre tra le sue priorità, con il dato che traspare oggi di un eventuale ritorno in politica, questa volta in autonomia e non più sotto l'ala protettrice della zia, magari, anzi, con il rivale Zemmour.
Intanto, i sondaggi, in vista delle imminenti votazioni nel Paese d'oltrealpe, danno lo stesso Zimmour al quarto posto, dietro a Macron, e la Le Pen al secondo posto.
Si voterà il 10 ed il 24 aprile.
Zemmour, tuttavia, potrebbe ricevere nuovo slancio alla propria campagna elettorale, proprio grazie alla Maréchal e Gilbert Collard, eurodeputato che ha deciso di recente di ritirare il proprio appoggio alla Le Pen.
La discesa in campo della Maréchal in favore di Zemmour, poi, potrebbe portare in aggiunta i voti di molti degli appartenenti al Rassemblement National stesso, portando ad un ulteriore assottigliamento del fronte a favore della Le Pen.
La Francia entra nel terzo lockdown - Sputnik Italia, 1920, 10.01.2022
Francia, deputato "lapidato" davanti a casa a manifestazione contro il pass sanitario - Video
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала