Spazio, oggetto misterioso mai visto prima scoperto da studente di astronomia

© AP Photo / NASA, JPL-CaltechA pulsar
A pulsar - Sputnik Italia, 1920, 27.01.2022
Seguici suTelegram
Nei salotti dell’Astronomia si parla molto della nuova scoperta di un oggetto spaziale misterioso e molto simile a una pulsar, ma che ha un comportamento fisico mai osservato prima.
La pulsar misteriosa, infatti, ha un ciclo di rotazione di appena 18 minuti e 10 secondi. Cioè ruota su sé stessa 3 volte ogni ora.
A renderla ancora più interessante e misteriosa, l’impulso in frequenza radio di lunga durata calcolato in circa 60 secondi. Gli astrofisici non avevano mai rivelato nulla di simile prima d’ora.
La misteriosa pulsar è stata scoperta nella nostra Via Lattea da Tyrone O’Doherty, uno studente di astronomia australiano della Curtin University. Lo studente ha scoperto il misterioso corpo spaziale utilizzando il radio telescopio a bassa frequenza Murchison Widefield Array (MWA), che tra i primi ha diffuso la notizia e le immagini artistiche che riproducono l’insolito fenomeno fisico.
Il Murchison Widefield Array è un enorme radiotelescopio composta da 4.096 antenne a forma di ragno e disposte in 256 griglie regolari di una remota regione dell’Australia occidentale. La scoperta dello studente O’Doherty è avvenuta sperimentando una nuova tecnica che lui stesso ha sviluppato.
Lo studio è ora stato pubblicato anche sulla prestigiosa rivista Nature e dall’Icrar, il Centro internazionale per la ricerca in radio astronomia.

Magnetar a periodo ultra-lungo

O’Doherty ha osservato l’oggetto misterioso a circa 4.000 anni luce dalla Terra, grazie all’esplosione di energia che emette tre volte all’ora, scrive l’MWA, ed ha subito allertato la dottoressa Natasha Hurley-Walker, a capo del team. Quest’ultima ritiene che potrebbe corrispondere a un oggetto astrofisico di cui è stata solo prevista l'esistenza teorica: un magnetar a periodo ultra-lungo.
Questo oggetto appariva e scompariva nel corso di alcune ore durante le nostre osservazioni", ha riferito la dottoressa Hurley-Walker.
“È stato completamente inaspettato. Era un po' inquietante per un astronomo, perché non c'è niente di conosciuto nel cielo che faccia questo”, ha ammesso la ricercatrice.
“Ed è davvero molto vicino a noi (da un punto di vista delle distanze astronomiche - ndr): circa 4.000 anni luce di distanza. È nel nostro cortile galattico”, ha osservato.

Video: magnetar a periodo ultra-lungo

L'oggetto, mai visto prima dagli astronomi, è stato riprodotto artisticamente anche in un'animazione video.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала