Sentirsi stanchi? Attenzione, potrebbe prevedere quando morirai!

CC0 / Pixabay / Uomo stanco con gli occhiali
Uomo stanco con gli occhiali - Sputnik Italia, 1920, 27.01.2022
Seguici suTelegram
Man mano che invecchiamo è naturale stancarsi più facilmente, ma una nuova ricerca suggerisce che potrebbe essere poco saggio trascurare le palpebre pesanti.
Tutti a volte sperimentiamo la stanchezza, ci sentiamo sfiniti, letargici, stanchi morti. In genere lo riteniamo come dovuto alla mancanza di sonno, alla lotta per rispettare le scadenze o al fatto che non riusciamo più a tenere il passo con l'età, tuttavia potrebbe essere mortalmente sconsigliato farlo.
L'affaticamento fisico percepito può essere utilizzato come indicatore di mortalità precoce, secondo quanto emerge da una ricerca pubblicata sul Journal of Gerontology: Medical Sciences studio degli epidemiologi dell'Università di Pittsburgh.
Il team di scienziati ha applicato la Pittsburgh Fatigability Scale a 2.906 partecipanti al progetto Long Life Family Study, i partecipanti di età pari o superiore a 60 anni sono stati seguiti per due generazioni.
Il team di ricercatori ha chiesto ai partecipanti di classificare da 0 a 5 quanto si sentivano stanchi dopo determinate attività. Le attività proposte andavano da una piacevole passeggiata di 30 minuti, a leggeri lavori domestici fino al giardinaggio pesante, come scavare.
Dopo aver preso in considerazione una varietà di fattori come depressione, condizioni preesistenti, malattia terminale, età e sesso, il team ha scoperto che i partecipanti che avevano ottenuto 25 punti o più sulla Pittsburgh Fatigability Scale avevano 2,3 volte più probabilità di morire entro 2,7 anni.
"Questo è il periodo dell'anno in cui le persone di solito infrangono i buoni propositi di Capodanno per fare più attività fisica. Spero che i nostri risultati forniscano un certo incoraggiamento a rispettare gli obiettivi di esercizio. Ricerche precedenti indicano che fare più attività fisica può ridurre l'affaticamento di una persona. Il nostro studio è il primo a collegare l'affaticamento fisico più grave a una morte precoce. Al contrario, punteggi più bassi indicano maggiore energia e maggiore longevità", ha affermato l'autrice principale Nancy W. Glynn, Ph.D., professoressa associata presso il Dipartimento di Epidemiologia presso la Pitt's Graduate School of Public Health.
Il follow-up dello studio è stato intenzionalmente concluso alla fine del 2019, per evitare un aumento dell'impatto sulla mortalità dovuto alla pandemia di COVID-19.
Glynn ha aggiunto che uno dei modi migliori per aumentare l'attività fisica era "fissare obiettivi gestibili e iniziare una routine, come una passeggiata regolare o un esercizio programmato".
La Pittsburgh Fatigability Scale è stata creata da Glynn e dai suoi colleghi nel 2014 e da allora è stata tradotta in 11 lingue.
L'epidemiologa ha sottolineato che riducendo l'affaticamento, si è potuto "cambiare il modo in cui si sentivano, motivandoli potenzialmente a fare di più".
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала