Produrre gas in modo originale e insolito? Ci pensano le compagnie energetiche europee

© Sputnik / Vai alla galleria fotograficaImpianto di gas in Germania ad Eugal
Impianto di gas in Germania ad Eugal - Sputnik Italia, 1920, 27.01.2022
Seguici suTelegram
Secondo Bloomberg, le aziende europee stanno cercando di produrre gas utilizzando microrganismi.
Le aziende europee stanno progettando di sostituire il gas naturale proveniente dalla Russia con combustibile prodotto dagli archei (noti anche come archeobatteri, nome scientifico Archaea), organismi unicellulari che vivono anche nei giacimenti minerari, scrive Bloomberg.
"Invece di utilizzare il gas naturale di Putin ed altri, vogliamo fare affidamento sull'energia rinnovabile", afferma Doris Haverbradl, direttore di Electrochaea GmbH, che sta sviluppando questa tecnologia.
Gli archeobatteri trasformano anidride carbonica e idrogeno in metano, che verrà immagazzinato in depositi naturali sotterranei. In futuro, i sostenitori del progetto intendono liberare l'atmosfera dalle emissioni nocive, poiché l'anidride carbonica verrà fornita dalle imprese, creando così un ciclo chiuso.
Electrochaea ha già costruito diversi impianti dimostrativi in Danimarca, Ungheria e Svizzera. Altre aziende, come RAG Austria AG, se ne stanno occupando in Austria.
Impianto rigassificatore per GNL - Sputnik Italia, 1920, 26.01.2022
Per l'Europa un'alternativa inaspettata al gas russo
Tuttavia, sulla strada per l'applicazione di massa, la tecnologia incontra difficoltà, dal momento che richiede un investimento di miliardi di euro e diversi anni per un completo adeguamento. Inoltre, questa tecnologia innovativa è ostacolata dall'alto costo per la produzione di idrogeno verde. Secondo il chimico Alexander Kraete, è quattro volte superiore al prezzo del gas di dicembre in Germania.
I prezzi del gas in Europa sono aumentati notevolmente negli ultimi mesi. Gli esperti attribuiscono ciò a diversi fattori: bassi livelli di riempimento negli impianti di stoccaggio sotterranei europei, forniture limitate dai principali produttori e forte domanda di gas naturale liquefatto in Asia.
Le autorità dei Paesi europei hanno ripetutamente accusato la Russia di aver provocato la crisi energetica. Vladimir Putin ha definito queste affermazioni una sciocchezza. Ha ricordato di aver offerto a Bruxelles di lasciare contratti a lungo termine per la fornitura di materie prime, ma la Commissione Europea ha insistito sui prezzi di mercato, che alla fine hanno portato a questa crisi.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала