"L'Ucraina è diventata un giocattolo nelle mani di NATO e USA" - Medvedev

© Sputnik . Dmitry Astakhov / Vai alla galleria fotograficaDmitry Medvedev
Dmitry Medvedev - Sputnik Italia, 1920, 27.01.2022
Seguici suTelegram
L'Ucraina si è ora trasformata, in un certo senso, in un giocattolo nelle mani della NATO e degli Stati Uniti ed è usata come strumento di pressione geopolitica su Russia e Cina, ha affermato il vicepresidente del Consiglio di sicurezza russo Dmitry Medvedev in un'intervista ai principali media russi, tra cui Sputnik.
"L'Ucraina, purtroppo, si è ora trasformata, in un certo senso, in un giocattolo nelle mani della NATO e, soprattutto, nelle mani, ovviamente, degli Stati Uniti, dal momento che l'Ucraina è usata come strumento di pressione geopolitica sulla Russia, così come sulla Cina", ha detto Medvedev.
Medvedev ha inoltre affermato che le azioni di Vladimir Zelensky come presidente dell'Ucraina probabilmente porteranno alla distruzione del Paese.
"Non sono deluso da Zelensky. Non mi ha deluso in alcun modo. Credo che stia facendo esattamente ciò che una persona con il livello della sua formazione, con il livello della sua idoneità professionale per la carica di presidente dell'Ucraina, avrebbe fatto. E, sfortunatamente per lui, probabilmente questo alla fine porterà alla distruzione dell'Ucraina stessa", ha detto Medvedev.
Tuttavia, spera che nel prossimo futuro sia possibile un calo delle tensioni in Ucraina.
Medvedev ritiene che alla fine gli ucraini si stancheranno delle attuali tensioni e dovranno eleggere una leadership che perseguirà una politica mirata alle normali relazioni economiche con la Russia, raggiungendo un ragionevole equilibrio su varie questioni, compreso il riconoscimento della Crimea come parte della Russia.
Quando è stato chiesto di nominare qualsiasi politico ucraino che avrebbe cercato di normalizzare le relazioni con la Russia, Medvedev ha rifiutato di commentare la questione, dicendo che ciò non è corretto e poco promettente.
Il politico ha inoltre ricordato la sua precedente osservazione, secondo cui non ha senso negoziare con l'attuale leadership in Ucraina, a causa del suo orientamento anti-russo. Ad esempio, ha citato la legge discriminatoria sui popoli indigeni ucraini, nonché la mancata attuazione degli accordi di Minsk sul Donbass.
Secondo Medvedev, non ha senso negoziare "con tali politici che mentono, non rispettano le decisioni, che prendono decisioni dirette contro una parte della propria popolazione, che in questo senso non rispettano alcun obbligo internazionale".
Alla domanda se ammette la possibilità di uno scontro diretto tra Russia e NATO, se l'Ucraina deciderà di intraprendere la strada militare per quanto riguarda il Donbass, Medvedev ha detto:
"Sarebbe lo scenario più drammatico, semplicemente catastrofico. E spero solo che questo non accada mai".
Il politico ha anche osservato che nessuno si è mai opposto al coinvolgimento degli Stati Uniti nei negoziati sull'Ucraina.
"Nessuno si è mai nemmeno opposto al coinvolgimento degli Stati Uniti. Gli americani sono già in gioco, come si suol dire. Stanno influenzando attivamente gli ucraini, stanno attivamente cercando di crearci problemi. A questo proposito, lasciamoli partecipare apertamente e condurre una sorta di negoziato, influenzare, utilizzare i loro canali di influenza sull'Ucraina", ha affermato Medvedev, aggiungendo che "la cosa principale è che gli accordi di Minsk siano attuati".
Il funzionario ha osservato che il vero problema è l'attuazione degli accordi, poiché "a parole, tutti dichiarano di aderire a questi accordi, e anche gli ucraini ne parlano, ma non fanno nulla".
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала