Lo Sputnik V batte anche la Omicron, è un richiamo universale – lo dicono i principali virologi

© Sputnik . Vitaliy Belousov / Vai alla galleria fotograficaVaccinazione con Sputnik V
Vaccinazione con Sputnik V - Sputnik Italia, 1920, 27.01.2022
Seguici suTelegram
I principali esperti di malattie infettive e vaccini provenienti da Argentina, Francia e Stati Uniti hanno elogiato il vaccino russo, così come i risultati di un recente studio italiano hanno mostrato che lo Sputnik V possiede la più alta efficacia contro la Omicron rispetto ai suoi omologhi, quali Pfizer.
"Conclusivi e incoraggianti": questi sono i termini che il pluripremiato specialista in malattie infettive Hugo Pizzi, dell'Università argentina di Córdoba, ha usato riferendosi ai risultati del recente studio comparativo italo-russo sui vaccini Sputnik V e Pfizer, eseguito in un laboratorio di Roma, i quali evidenziano come lo Sputnik V sia generalmente 2,1 volte più efficiente contro il ceppo Omicron rispetto allo Pfizer.
In un commento pubblicato dall'investitore del vaccino, l’RDIF (Fondo Russo per gli Investimenti Diretti), il professor Pizzi ha elogiato lo Sputnik come "un eccellente vaccino con molte proprietà", sottolineando che le stesse scoperte dell'università sulla questione corrispondono agli ultimi dati rilevati:
"All'Università di Córdoba, abbiamo confermato l'elevata efficacia del vaccino [Sputnik] in diversi studi pubblicati su altre varianti, come Manaos e Delta, quindi non mi sorprende che l'efficacia contro la Omicron sia alta quanto lo studio mostra”.

Protezione molto più forte

Secondo un importante esperto di vaccini negli Stati Uniti, la professoressa Hildegund Ertl, "l'espressione dell'antigene da parte del vettore di adenovirus è di gran lunga migliore rispetto a quella dell'mRNA, favorendo la stimolazione di cellule che secernono anticorpi durevoli".
L'esperto di Filadelfia, specializzato nella combinazione di parti di virus diversi, fa eco a Hugo Pizzi, elogiando i risultati dello studio Spallanzani come "estremamente promettenti", sottolineando anche la durata della protezione fornita dall’inoculo russo.
"I titoli anticorpali del virus originale di "tipo selvaggio" sono rimasti stabili per un periodo di 6 mesi dopo la vaccinazione con lo Sputnik V, ma sono diminuiti di circa 10 volte dopo la vaccinazione con mRNA. Questo probabilmente riflette le differenze nella biologia dei 2 prototipi di vaccini”, ha detto Ertl.
Secondo i dati della Pfizer, che il gigante farmaceutico ha presentato alla FDA (Food and Drug Administration) l'anno scorso, le qualità protettive del suo vaccino contro l'infezione si sgretolano a uno sbalorditivo 43% entro 6 mesi dalla vaccinazione completa.
Il vaccino russo contro COVID-19 Sputnik V - Sputnik Italia, 1920, 20.01.2022
Sputnik V batte Pfizer in efficacia contro Omicron, secondo una ricerca Spallanzani-Gamaleya

Il potenziatore universale

Anche l'immunologo e ricercatore francese Cecil Czerkinsky ha accolto con favore i risultati della ricerca dello Spallanzani, che mostrano in modo convincente "che lo Sputnik a vettore adenovirale è in grado di migliorare le risposte anticorpali neutralizzanti non solo alla Delta ma anche alla variante Omicron, quando viene utilizzato come richiamo del vaccino omologo autonomo e come richiamo in combinazione con un vaccino mRNA”.

Secondo il ricercatore, "la vaccinazione di richiamo con vaccini misti, incluso Sputnik Light, è efficace contro le mutazioni", per cui la Omicron è famigerata, comprese le più di 30 mutazioni rilevate nella glicoproteina S e mutazioni multiple nel dominio di legame del recettore (RBD) e il dominio N-terminale della glicoproteina S che sono associati alla resistenza agli anticorpi neutralizzanti (NtAb).

Sputnik Light ha ricevuto l'approvazione in più di 30 paesi, anche come richiamo dopo altri tipi di vaccino. Lo Sputnik V è approvato in 71 paesi, con una popolazione totale di oltre 4 miliardi di persone. A differenza di Pfizer o Moderna, che utilizzano la tecnologia mRNA, sia Sputnik V che Sputnik Light sono stati sviluppati utilizzando una piattaforma vettoriale adenovirale umana, che esiste da tre decenni. A differenza dell'mRNA, gli inoculi basati su vettori adenovirali non sono stati finora associati a rari effetti avversi gravi, come miocardite e pericardite. A differenza di Pfizer, entrambi i vaccini russi possono essere conservati e trasportati a temperature di +2 - +8 Celsius e non richiedono una speciale infrastruttura della catena del freddo per lo stoccaggio e la distribuzione.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала