In arrivo dall’UE un fondo da un miliardo di euro destinato a progetti spaziali

CC0 / / Satellite, Terra e Luna
Satellite, Terra e Luna - Sputnik Italia, 1920, 27.01.2022
Seguici suTelegram
Prende il via il Cassini Growth Fund, un fondo da almeno un miliardo di euro, e in Italia decolla l''economia spaziale'.
È in arrivo una grande novità, destinata a dare nuovo slancio all''economia spaziale' in ambito europeo: è stato istituito un fondo che porta in dotazione un miliardo di euro e che sarà destinato a promuovere e a sostenere tutte quelle imprese impegnate in progetti nello spazio. Lo riporta Ansa.
Quello spaziale è un settore in piena espansione, nel quale, ed esempio, si riscontra che soltanto per quanto riguarda i servizi da satellite nel corso del 2021 il giro d’affari abbia superato i 200 miliardi e, in prospettiva, entro una decina d’anni dovrebbe sfondare quota 500 miliardi.

Buone previsioni di sviluppo investono il settore dell'economia spaziale in Italia, il cui mercato è valutato in 370 miliardi di euro, secondo una ricerca portata a termine dal Politecnico di Milano; tale ricerca rivela che nel 2021 l'Europa ha investito in progetti spaziali 11,48 miliardi di dollari arrivando seconda nel mondo dietro gli Stati Uniti, primi con 43,01 miliardi di dollari, seguiti da Cina, Russia, Giappone e India.

Il Cassini Growth Fund è stato presentato a Bruxelles dalla Commissione Europea nell’ambito della Conferenza dedicata allo spazio e, secondo il commissario europeo per il Mercato interno, Thierry Breton, questo fondo permetterà alle start-up ed alle piccole e medie imprese di trovare i fondi necessari per affrancarsi, evitando di cercare investitori terzi, il tutto all’interno di una più complessa strategia europea, finalizzata a ridurre la dipendenza nel settore verso gli Stati Uniti, mirando a far divenire l’UE leader del settore.
Questo principalmente attraverso il rafforzamento del sistema Galileo (per la navigazione satellitare) e il programma Copernicus (per l’osservazione della Terra); altri aspetti di questo progetto su cui si punterà per rafforzare la leadership dello spazio europeo saranno la sicurezza delle comunicazioni e una nuova strategia pr la sicurezza e la difesa.

Si punterà decisi anche al trasporto spaziale, con nuovi lanciatori come quello di ArianeGroup, chiamato Maia, un mini lanciatore per costellazioni di piccoli e nano satelliti.

Da segnalare, infine, la dichiarazione del Ministro per l'Innovazione tecnologica e la transizione digitale Vittorio Colao, che si sente molto fiducioso sugli obiettivi del Pnrr, il Piano nazionale di ripresa e resilienza, e gli fa eco Massimo Claudio Comparini, amministratore delegato di Thales Alenia Space Italia, intervenuto a Milano alla presentazione dello studio del Politecnico: "Attraverso il Pnrr possiamo diventare un Paese ancor più importante nel settore".
Più cauto l’ amministratore delegato di Avio, Giulio Ranzo, secondo cui questa: “è una corsa contro il tempo. Le risorse del Pnrr dovranno essere impiegate entro il 2026, ora è il momento di puntare sulla semplicità e tradurre le idee in contratti".
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала