Dalla Farnesina ai servizi: chi è Elisabetta Belloni e chi la vorrebbe al Quirinale?

Elisabetta Belloni - Sputnik Italia, 1920, 27.01.2022
Seguici suTelegram
Da un anno è la prima donna a dirigere il Dipartimento delle informazioni per la sicurezza. Il suo è uno dei nomi che si fanno strada nella corsa al Colle.
Ottimi rapporti con Washington, anni d'esperienza all’unità di crisi della Farnesina e al ministero degli Esteri e da un anno circa, a capo del Dipartimento delle informazioni per la sicurezza, per volere dell’attuale premier Mario Draghi.
Il nome della numero uno degli 007 italiani, Elisabetta Belloni, è uno di quelli su cui si ragiona, mentre si chiude con un nulla di fatto anche la quarta giornata di votazioni per il presidente della Repubblica.
I “papabili”, secondo quanto si apprende dai principali quotidiani, restano quattro: Draghi, Casini, Cassese e, infine, il capo dei servizi.
Salvini, Letta e Conte, come pure Giorgia Meloni, apprezzano la sua capacità di destreggiarsi a livello internazionale e l’esperienza ai massimi livelli istituzionali. Ma a frenare i partiti è il suo ruolo al vertice dell’intelligence e il fatto che dopo Draghi sarebbe di nuovo un tecnico e non un politico a salire al Colle.
“Ho lavorato con lei alla Farnesina, si tratta sicuramente di un profilo alto. Però non giochiamo a bruciare nomi e, soprattutto, non spacchiamo la maggioranza di governo”, sono state le parole del ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, poco prima della conclusione dello scrutinio di oggi, mentre in mattinata è arrivato l’endorsement di Giorgia Meloni.
La Belloni è romana e ha 63 anni. Prima di approdare alla “Lubjanka” di piazza Dante è stata segretario generale del ministero degli Esteri.
Alla Farnesina è conosciuta come la donna dei record: la prima a guidare l’Unità di crisi nel 2004, la prima a guidare la Cooperazione allo Sviluppo, la prima a ricoprire il ruolo di capo di gabinetto del ministro, quando il capo della diplomazia era Paolo Gentiloni.
È all’Unità di Crisi, come ricorda il Corriere, che la Belloni segue i dossier più importanti, collaborando con gli uomini dei servizi italiani nei fronti caldi di mezzo mondo. Chi la conosce bene la descrive come una donna “autorevole”, ma aperta al dialogo.
Nei ritratti apparsi in queste ore sui quotidiani italiani si parla della sveglia presto tutte le mattine e della passione per le lunghe passeggiate (andava alla Farnesina a piedi camminando per circa un’ora), dell’amore per la campagna toscana, dove si rifugia quando riesce a staccare dal lavoro, per i suoi cani e per l’orto che cura personalmente.
Pur essendo un tecnico, il suo profilo negli ultimi anni è stato preso in considerazione anche per incarichi politici al vertice, come la guida del ministero degli Esteri e la presidenza del Consiglio.
Domani, con tutta probabilità, si saprà se alla lista dei primati potrà aggiungere quello di diventare la prima donna presidente della Repubblica italiana.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала