Ai diplomatici americani sarebbe stato chiesto di sottoporsi a tamponi anali anti-Covid in Cina

© Foto : PixabayUn uomo preoccupato
Un uomo preoccupato - Sputnik Italia, 1920, 26.01.2022
Seguici suTelegram
Un'indagine giornalistica avrebbe rivelato che anche al personale diplomatico statunitense in Cina sarebbe stato chiesto di sottoporsi alla pratica, in quel paese diffusa, dei test anti-Covid tramite tampone anale.
Voci di presunti test di tamponi anali per verificare la positività al Covid-19, a cui anche il personale diplomatico statunitense sarebbe stato chiesto di sottoporsi, si erano diffuse a partire da alcune lamentele di cittadini americani.
Documenti riservati, e ottenuti tramite una causa contro il Dipartimento di Stato con un Freedom of Information Act (FOIA), cioè la legge sulla libertà d'informazione che negli Stati Uniti consente a giornalisti e studiosi l’accesso agli archivi dell’Amministrazione pubblica, in caso d'interesse diffuso, dimostrerebbero che in effetti tale pratica sarebbe stata richiesta anche al personale diplomatico USA.
Secondo le fonti americane, tale pratica, molto diffusa in Cina, in quanto il tampone anale è molto più preciso e accurato rispetto a quello nasale e faringeo, non sarebbe applicabile ai diplomatici e quindi il personale statunitense nel paese asiatico non sarebbe in realtà tenuto a sottoporvisi.
Bandiere Cina USA - Sputnik Italia, 1920, 25.02.2021
Cina nega che diplomatici USA siano stati costretti a test con tampone anale per il coronavirus
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала