Quirinale, quel post "enigmatico" di Casini: "La passione politica è la mia vita"

© AFP 2022 / Alberto Pizzoli Итальянский политик Пьер Фердинандо Казини
Итальянский политик Пьер Фердинандо Казини - Sputnik Italia, 1920, 25.01.2022
Seguici suTelegram
Il fondatore dell'Udc, dopo mesi di silenzio stampa, pubblica un post su Instagram, a poche ore dall'apertura della seconda votazione. E per qualcuno sarebbe il segnale della sua discesa in campo.
Il borsino dei candidati, in queste ore, è più che mai altalenante. Ma, a poche ore dall’inizio della seconda votazione, Pierferdinando Casini, il cui nome sarebbe entrato nelle trattative per eleggere il prossimo presidente della Repubblica, rompe il silenzio con un post su Instagram.
La foto postata è in bianco e nero. Un amarcord della sua militanza politica, che lo ritrae giovanissimo al microfono, probabilmente durante un comizio. Poche parole di accompagnamento: “La passione politica è la mia vita”. E ancora l’emoticon di un cuore e della bandiera italiana.
Sotto, i commenti entusiasti di alcuni esponenti politici, tanto di destra quanto di sinistra. Si va da Guido Crosetto a Luciano Nobili, di Italia Viva, passando per il sindaco di Firenze, Dario Nardella. E poi una lunghissima serie di messaggi d'incitamento da parte dei suoi follower.
Ed è ovvio che più d'uno veda nel post da migliaia di like un segno inequivocabile della discesa in campo dell’ex democristiano, fondatore dell’Udc, per la scalata al Colle più alto. Effettivamente, le poche parole affidate alla rete irrompono nella trattativa frenetica in corso in queste ore.
Il nome del centrista, però, stando alle agenzie di stampa, non comparirebbe nella lista che i leader del centrodestra dovrebbero rivelare nel pomeriggio di oggi.
Casini è sparito dai radar dallo scorso agosto e, in queste settimane, mentre si rincorrevano le voci sulla sua candidatura, si è trincerato dietro una serie di prudenti no-comment. Segno che ci potesse essere margine di manovra sulla sua figura.
Elezione del Presidente della Repubblica - Sputnik Italia, 1920, 25.01.2022
Da Draghi a Mattarella, tutti i nomi in campo nella seconda giornata di votazioni
Il suo nome, in effetti, come dimostrano le dichiarazioni degli ultimi giorni, sembrerebbe mettere d’accordo quasi tutti i partiti.

Tra i più scettici c’è Fratelli d’Italia, ma, come scrive il Corriere, le “incertezze” di Berlusconi e Salvini, legate alla elezione di Casini con il Pd, potrebbero essere superate. Senza contare che fra i Dem, qualcuno preferisce l’opzione Casini a quella Draghi. Anche i renziani sarebbero pronti a votarlo e i cinque stelle non si tirerebbero indietro.

Bolognese, classe 1955, prima di essere eletto a Palazzo Madama tra le file del Pd, è stato tra i leader del centrodestra, con Berlusconi e Fini, e fondatore dell’Udc. Dopo la rottura con il leader di Forza Italia ha appoggiato gli esecutivi di Monti e quelli di centrosinistra, fino a Draghi.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала