Feto all'interno di antica mummia egizia conservato come "uovo in salamoia"

La mummia - Sputnik Italia, 1920, 25.01.2022
Seguici suTelegram
I ricercatori hanno inoltre spiegato come le ossa del feto abbiano probabilmente subito un processo di demineralizzazione a seguito del processo di acidificazione del corpo della "madre".
Un team di ricercatori è riuscito a scoprire il mistero dietro un feto conservato che è stato trovato all'interno della mummia di una donna dell'antico Egitto.
Secondo ScienceAlert, la ricerca del "Warsaw Mummy Project" (gruppo di archeologi e bio-archeologi dell'Università di Varsavia - ndr) sostiene che il feto sia stato preservato per l'acidificazione del corpo della donna durante la decomposizione di quest'ultima e paragona il processo alla marinatura di un uovo.
"Il feto è rimasto nell'utero intatto, diciamo, 'sottaceto.' Non è il paragone più fine, ma trasmette l'idea", spiegano i ricercatori. "Il pH del sangue nei cadaveri, compreso il contenuto dell'utero, diminuisce in modo significativo, diventando più acido, le concentrazioni di ammoniaca e acido formico aumentano con il tempo. Il posizionamento e il riempimento del corpo con natron [una miscela di sale raccolta dai letti di laghi asciutti] hanno notevolmente limitato l'accesso di aria e ossigeno. Il risultato finale è un utero sigillato quasi ermeticamente contenente il feto".
Nell'articolo si osserva anche che mentre il radiologo dell'Università del Cairo Sahar Saleem aveva precedentemente messo in dubbio la scoperta del feto, sottolineando che nelle scansioni della mummia non sono state rilevate ossa fetali, i ricercatori, guidati dalla bioarcheologa Marzena Ożarek-Szilke dell'Università di Varsavia e l'archeologo Wojciech Ejsmond dell'Accademia Polacca delle Scienze sostengono che queste ossa siano state demineralizzate a seguito dei processi di acidificazione nel corpo della mummia.
"Questo processo di demineralizzazione ossea in un ambiente acido può essere paragonato alla marinatura dell'uovo", affermano. "Immaginate di mettere un uovo in una pentola piena di acido. Il guscio d'uovo si dissolve, lasciando solo l'interno dell'uovo (albume e tuorlo) e i minerali del guscio d'uovo disciolti nell'acido."
Questi risultati possono suggerire la possibilità che altre "mummie gravide" esistano, poiché le scansioni di tali resti umani di solito identificano ossa e "amuleti nascosti all'interno dei loro involucri", aggiunge l'articolo.
Mummie egiziane - Sputnik Italia, 1920, 30.09.2021
Ricostruiti i volti di 3 mummie egiziane grazie al DNA - Foto
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала