Covid-19, Trentino: denunciato infermiere per finti tamponi

© Sputnik / Vai alla galleria fotograficaTampone Nasale
Tampone Nasale - Sputnik Italia, 1920, 25.01.2022
Seguici suTelegram
Sequestro record: 120mila euro in contanti. Posti i sigilli al centro per le vaccinazioni predisposto presso il palazzetto dello sport di Pergine Valsugana.
Bastava pagare e si poteva ottenere il tanto ambito certificato attestante la positività o negatività al virus.
La positività poteva poi essere usata con il noto meccanismo venuto alla luce di recente dalle inchieste delle forze dell'ordine sui vari escamotage utilizzati per raggirare le disposizioni sul Covid-19: a fronte di un secondo tampone, questa volta negativo, veniva attestata così l'avvenuta "guarigione" dal virus, potendo così ottenere un green pass valido per mesi.
Di contro, il tampone negativo dava già accesso al green pass valido ai fini lavorativi e di accesso a cure sanitarie o altro.
Il visitatore presenta un codice QR prima di entrare in un museo - Sputnik Italia, 1920, 10.01.2022
Escamotage Green pass: con un falso test positivo e un farmacista compiacente, ecco il certificato
Carabinieri e Guardia di Finanza, nell'ambito di una operazione congiunta, hanno posto i sigilli alla struttura, in attesa di far luce sulla vicenda.
Intanto, l'uomo titolare della struttura è stato denunciato per "corruzione" e gli sono stati sequestrati 120mila euro in contanti.
Il centro, gestito dall'infermiere finito nei guai, lavorava "a pieno regime". Centinaia le persone che ogni giorno si recavano presso il palazzetto dello sport della cittadina del Trentino, per "avere prova del test Pcr effettuato" con relativa certificazione relativa.
Ora a rischiare sono anche i clienti stessi.
Indagini ed approfondimento sulla vicenda in corso da parte delle forze dell'ordine.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала