Vicini a una guerra fredda digitale? La battaglia per supremazia tecnologica tra Cina e Stati Uniti

CC0 / Pixabay / Il mondo digitale
Il mondo digitale - Sputnik Italia, 1920, 24.01.2022
Seguici suTelegram
Un analista ha previsto che l'economia digitale sarà il prossimo campo di battaglia per la competizione strategica tra le potenze. E la rivalità tecnologica tra Cina e Stati Uniti si è infatti accresciuta tra le due maggiori economie del mondo.
Il ricercatore e analista Zhang Monan, ritiene che la Cina debba prepararsi a una "guerra fredda digitale" con gli Stati Uniti poiché è probabile che Washington imporrà restrizioni più severe alla tecnologia aggiungendo liste nere di esportazione, giurisdizioni e revisioni della sicurezza.
"Gli Stati Uniti hanno adottato una strategia 'piccolo cortile, alta recinzione' per reprimere la Cina con un approccio dell'intero governo", ha detto al forum virtuale del China Center for International Economic Exchanges (CCIEE).
Nello stesso evento, l'ex vice ministro delle finanze cinese Zhu Guangyao ha criticato Washington per aver cercato di contenere l'avanzata digitale della Cina, osservando che la proposta Alliance for the Future of the Internet, un'iniziativa guidata dagli Stati Uniti che mira a riunire paesi che la pensano allo stesso modo per promuovere un Internet aperto e sicuro, "divide Internet e costruisce due sistemi".
"Questo non va bene per l'economia digitale globale, o per se stessi, alla fine", ha osservato Zhu.
Poche settimane fa Pechino aveva presentato un piano per aumentare le capacità tecnologiche della Cina entro il 2025, al fine non solo di migliorare la qualità e il valore dei suoi prodotti tecnologici, ma anche di essere tecnologicamente indipendente dagli altri paesi.
Il piano sostiene l'obiettivo per le industrie principali dell'economia digitale cinese di rappresentare il 10% del prodotto interno lordo entro il 2025, rispetto al 7,8% del 2020.
Secondo il piano, "tutti i principali paesi... stanno intraprendendo una pianificazione strategica e prendendo l'iniziativa per creare nuovi vantaggi competitivi per rimodellare il panorama internazionale nell'era digitale".
La spinta di Pechino a far crescere il suo settore digitale e ottenere l'indipendenza tecnologica ha sollevato preoccupazioni tra i paesi occidentali. Lo stesso presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha suggerito che le democrazie di mercato, ma non la Cina, dovrebbero scrivere le regole sul commercio e la tecnologia del 21° secolo.
Zhang ha osservato che gli Stati Uniti e l'UE hanno collegato la regolamentazione dell'economia digitale con l'ideologia, i diritti umani e la geopolitica. Ciò significava che non si trattava solo di "competizione economica o tecnologica, ma piuttosto di una competizione per le regole e la sovranità". Ecco perché crede che l'economia digitale sarà il prossimo campo di battaglia della competizione strategica tra le potenze.
Un altro fattore importante è la carenza globale di chip o semiconduttori che ha messo in evidenza l'economia digitale e il suo hardware chiave. Secondo Zhang, gli Stati Uniti potrebbero iniziare a bloccare le spedizioni di chip per computer e software industriale verso la Cina.
"L'interruzione dell'offerta è davvero fatale per noi", ha affermato l'analista, citando la dipendenza della Cina dai semiconduttori importati, sottolineando che è tempo di espandere l'accesso al mercato per i servizi digitali, comprese le società e le piattaforme Internet straniere.
"L'apertura rimane una base importante per mantenere lo sviluppo dell'economia digitale cinese", ha concluso Zhang.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала