Problemi di salute per Berlusconi? Ricoverato da alcuni giorni al San Raffaele: controlli di routine

© Sputnik . Aleksey Vitvitsky / Vai alla galleria fotograficaSilvio Berlusconi
Silvio Berlusconi - Sputnik Italia, 1920, 23.01.2022
Seguici suTelegram
Potrebbero esserci ragioni di salute dietro la decisione del leader di Forza Italia di non rientrare a Roma nella fase cruciale dei negoziati per il Colle.
Silvio Berlusconi è ricoverato da giovedì per alcuni controlli medici all'ospedale San Raffaele di Milano. Fonti di Forza Italia riferiscono che si tratta di un normale check up di routine, dopo il ricovero per Covid-19 dell'anno scorso.
Proprio ieri Berlusconi si è formalmente ritirato dalla corsa per il Colle. Le ragioni di salute potrebbero stare dietro la scelta del Cavaliere di non rientrare a Roma in questa fase cruciale delle trattative per l'elezione del Presidente della Repubblica.
Berlusconi non si è presentato al vertice del centrodestra di ieri, affidando la sua posizione ad una nota scritta. Nella lettera, letta dalla senatrice Licia Ronzulli in collegamento Zoom con gli altri leader della coalizione, ha rotto gli indugi, ritirando la sua candidatura per il Quirinale.
"Faremo una proposta condivisa col centrodestra. Draghi resti premier", ha detto in uno dei suoi passaggi chiave.
L'ex premier ha spiegato di avere "deciso di compiere un altro passo sulla strada della responsabilità nazionale, chiedendo a quanti lo hanno proposto di rinunciare ad indicare il mio nome per la Presidenza della Repubblica".
E su l'ex governatore della Bce ha aggiunto di considerare "necessario che il governo Draghi completi la sua opera fino alla fine della legislatura per dare attuazione al Pnrr, proseguendo il processo riformatore indispensabile che riguarda il fisco, la giustizia, la burocrazia".
"Continuerò a servire il mio Paese in altro modo, come ho fatto in questi anni, da leader politico e da Parlamentare Europeo, evitando che sul mio nome si consumino polemiche o lacerazioni che non trovano giustificazioni che oggi la Nazione non può permettersi".
Nel messaggio inviato dal leader di Fi, l'ex premier ha auspicato che "il Parlamento e i rappresentanti delle Regioni sappiano compiere questa scelta nel tempo più breve possibile e con un'ampia convergenza".
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала