Gkn, i lavoratori approvano il piano Borgomeo ma dettano i punti fermi per la reindustrializzazione

Lavoratori Gkn Firenze - Sputnik Italia, 1920, 22.01.2022
Seguici suTelegram
Il piano per la reindustrializzazione è stato approvato con il 98% dei voti favorevoli. I lavoratori annunciano ulteriori accordi da raggiungere nella prossima settimana.
Nella tarda serata di venerdì è arrivato il via libera dei lavoratori di Gkn Campi Bisenzio all'ipotesi di accordo quadro, firmato lo scorso 19 gennaio al Mise, per la reindustrializzazione dello stabilimento, adesso passato alla QF Spa.
Il referendum è passato con il 98,8% dei voti favorevoli e pertanto la Commissione Elettorale ha certificato la vittoria del sì. Hanno votato 265 lavoratori su 354 aventi diritto (74%), con 262 sì, 2 no, 1 scheda nulla.
Il Collettivo di Fabbrica dei Lavoratori Gkn Firenze fa sapere che l'accordo "andrà accompagnato a sua volta da altri accordi in sede aziendale da raggiungere la prossima settimana".
L'intesa raggiunta è "un accordo sindacale avanzato in un contesto politico e sociale negativo e tutto da cambiare", ma non è una vittoria.
Il "processo di reindustrializzazione - spiegano - non è qualcosa che abbiamo voluto, ma qualcosa che subiamo. E dentro questo processo abbiamo messo paletti importanti".
Tra i punti fermi dell'accordo i lavoratori elencano:
1.
tempistica certa della reindustrializzazione;
2.
clausola anti-logoramento;
3.
continuità occupazionale e di diritti;
4.
gli appalti del futuro soggetto reindustrializzatore ripartiranno dagli ex dipendenti degli appalti Gkn;
5.
il saldo occupazionale fissato al momento del passaggio da Gkn a Qf;
6.
Diritto di proposta e verifica.
Fiom esulta per l'esito del referendum, definito un ottimo risultato:

"Adesso, insieme alla Rsu, ci impegneremo perché proprietà e istituzioni rendano concreti gli obiettivi come da cronoprogramma per consentire la ripresa dell'attività e garantire la continuità occupazionale di tutti i lavoratori, compresi quelli degli appalti”

Si legge nella nota congiunta a firma di Michele De Palma, segretario nazionale Fiom-Cgil e responsabile automotive, Daniele Calosi, segretario generale Fiom-Cgil Firenze, Prato e Pistoia.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала