"Finché vaccino non vi separi": lei no vax, lui vaccinato, dopo 30 anni chiedono il divorzio

© Fotolia / KrivinisDivorzio
Divorzio - Sputnik Italia, 1920, 21.01.2022
Seguici suTelegram
I vaccini contro il Covid-19 dividono non solo gli italiani ma anche le coppie. Sono sempre più frequenti le coppie no vax e sì vax che scoppiano e decidono di divorziare. L'ultimo caso, riportato dal Giornale di Vicenza, di due coniugi che decidono di separarsi dopo una vita trascorsa assieme per divergenze insanabili sulla vaccinazione.
Il loro matrimonio aveva resistito ad ogni tipo di conflittualità, ma non ha retto davanti alle differenti posizioni sul vaccino anti-Covid e sul Green pass. Lui vaccinato con terza dose, lei no vax, decidono di divorziare a 61 anni, dopo una vita trascorsa assieme, riporta Il Giornale di Vicenza.
In trent'anni di matrimonio i due coniugi si erano trovati spesso in disaccordo, ma erano riusciti sempre a superare ogni difficoltà, finché non è scoppiata la pandemia.
Il marito si era contagiato un anno fa, senza finire in ospedale ma con pesanti conseguenze che lo avevano indotto a vaccinarsi appena possibile. La moglie, che lo aveva assistito durante la malattia senza contagiarsi, non ha mai accettato la sua scelta.
E così sono finiti davanti al giudice che dovrà fissare i termini della separazione in merito ai punti in disaccordo.
Quello della coppia finita sul Giornale di Vicenza non è un caso isolato, ma sono sempre più i matrimoni che finiscono per divergenze sul vaccino o sulla pandemia di Covid-19.
L'allarme è stato lanciato alcuni giorni fa dall'avvocato matrimonialista Carmen Posillipo che ora è sommersa da richieste di separazione. Il legale fa anche sapere che la vaccinazione dei figli di coppie già "scoppiate" sta diventando motivo di dissidio al pari delle cause cosiddette classiche. Secondo i dati in suo possesso, a essere maggiormente contrari alla somministrazione del vaccino sono soprattutto gli uomini.
“Non sono la sola a essere finita in questo vorticoso giro di istanze - aggiunge, citata dall'Ansa, l'avvocato Carmen Posillipo - anche molti altri colleghi si trovano nella mia stessa situazione”.
Una vera emergenza nella emergenza. Da un punto di vista sociale, al termine di questa pandemia saranno tanti i cocci da raccogliere e non tutti si potranno rimettere al loro posto.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала