Pedofilia nella Chiesa, Josef Ratzinger avrebbe commesso "errori in 4 casi"

© AP PhotoJosef Ratzinger
Josef Ratzinger - Sputnik Italia, 1920, 20.01.2022
Seguici suTelegram
Il Papa emerito Josef Ratzinger avrebbe ignorato i casi di abusi in relazione a 4 religiosi nel periodo in cui ricopriva la carica di arcivescovo di Monaco di Baviera.
L'avvocato Martin Putsch, in un rapporto che descrive le accuse di pedofilia tra il 1945 e il 2019, ha messo in luce delle presunte negligenze da parte del Papa emerito nei suoi anni da Arcivescovo di Monaco.

"In quei casi, quei sacerdoti hanno continuato il loro lavoro senza sanzioni. Ratzinger era informato dei fatti. La Chiesa non ha fatto nulla", sono state le parole del legale in conferenza stampa.

Da parte sua, Ratzinger ha inviato una memoria difensiva di 82 pagine, in cui smentisce tutte le accuse rivoltegli:
"Lui sostiene che non sapeva di certi fatti, anche se noi crediamo che non sia così, secondo quello che sappiamo", dice il legale.
L’indagine, condotta dallo studio legale Westpfahl Spilker Wastl, su incarico, dal 2010, della stessa arcidiocesi di Monaco, guidata dal cardinale Reinhard Marx, ha messo in luce il fatto che in due dei casi si tratterebbe di religiosi i cui abusi erano stati documentati da tribunali statali.
I due preti sono rimasti attivi nella cura delle anime e contro di loro non è stata intrapresa alcuna azione dal punto di vista del diritto ecclesiastico.
Il rapporto sulla diocesi di Monaco registra almeno 497 vittime di violenza sessuale dal 1945 al 2019. Secondo gli autori, 247 vittime sono maschi e 182 femmine. Il 60% delle vittime aveva tra gli otto e i 14 anni.
Notizie
0
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала